Inaugurata l’opera d’arte “Spazio Gazzi Arte – Presidio di Arte Urbana”

Gazzi Spazio ArteIl murales "Gazzi Spazio Arte"

Lo scorso 14 ottobre è stata inaugurata “Spazio Gazzi Arte – Presidio di Arte Urbana” che ha letteralmente riqualificato e rigenerato lo spazio antistante degli Istituti Quasimodo e Corelli con 15 splendidi murales.

Gazzi Spazio Arte

L’inaugurazione di “Gazzi Spazio Arte”

A presentare l’evento è stata la giornalista Gisella Cicciò e ad accompagnare la serata il talento del gruppo musicale “Opale Accordion Quartet”, diretto dal Maestro Ivano Biscardi e formato da Aldo Capua, Francesco Antonuccio, Salvatore Fazzari e Agostino Pronestì. Questo rappresenta solo il primo step dell’importante riqualificazione che riguarda i due istituti con il progetto di far diventare il plesso un luogo di cultura visitabile da tutti. Ideatore e anima dell’importante riqualificazione è stato l’Art Director Saverio Pugliatti insieme alla professoressa di storia dell’arte del liceo scientifico Quasimodo Giuliana Giuffrida.

Gazzi Spazio Arte

Piero La Tona, Gisella Cicciò, Giuseppe Ministeri e Antonino Averna

Il progetto è stato fortemente accolto dal Preside del’Istituto “G. Minutoli”, Piero La Tona, dal Presidente  del Conservatorio “Arcangelo Corelli”, Giuseppe Ministeri. I veri protagonisti dell’iniziativa sono stati una ventina di ragazzi, appartenenti al liceo scientifico Quasimodo, all’accademia delle Belle Arti di Messina e da alcuni migranti dell’Istituto Cristo Re, seguiti e supportati dall’art coaching Antonello Arena. Questi i nomi degli studenti: Alessandro Bonanno, Andrea Agati, André Di Lorenzo, Andrea Zappalà, Antonella Pellegrino, Federica Casile, Cetty Santanello Felice Cardile, Giorgio De Leo, Lillo Briguglio, Marcello Ristagno, Mariagiulia Sturniolo, Miriana Restuccia, Monica Miraglia, Adriana Rasconà, Giovanni Giganò, Costanza Sibilla, Wael Noor, Lamin Sanko.

Spazio Gazzi Arte

L’Opale Accordion Quartet

Inoltre è stato importante il supporto dell’Arch. Antonio Virgilio e dello storico d’arte Giampaolo Chillè. Insomma un ottimo team capace di tramutare un sogno in realtà e trasformare, di conseguenza, un muro di cinta logorato dal tempo in una vera e propria opera d’arte. Gli sponsor dell’iniziativa che hanno fornito i prodotti di preparazione e i colori per la realizzazione dei murales sono stati la ditta Giorgianni Francesca Colori di via Cesare Battisti e la Chrèon di Como. A dimostrare ciò che venti giovani talenti sono riusciti a trasmettere grazie al colore, pennello, fantasia e soprattutto cuore non bastano le parole, ma sicuramente potrà essere vissuta con emozione dalla nostra galleria fotografica.

The following two tabs change content below.
Redazione Messina Sportiva

Redazione Messina Sportiva

Commenta su Facebook

commenti