I murales di “Spaziogazziarte” per riqualificare le mura di cinta dell’Istituto Quasimodo e il Conservatorio Corelli

SpaziogazziarteSpaziogazziarte

Lo scorso 10 febbraio nell’auditorium del “Corelli” si è riunito un gruppo di lavoro per stabilire le linee basi della riqualificazione del muro di cinta che delimita l’istituto.

Spaziogazziarte

Una parte del muro che verrà riqualificato

Il progetto, che riguarda l’Istituto “Quasimodo” e il Conservatorio, rappresenta un’opera artistica che prende il nome “Spaziogazziarte”. Il murales sarà composto da due pannelli con il tema riguardante i due istituti e sei pannelli in cui verranno consensate le emozioni sprigionate dai bozzetti realizzati dagli studenti.

Spaziogazziarte

Il presidente del Conservatorio Corelli Giuseppe Ministeri

A coordinare il progetto sarà l’art director Saverio Pugliatti, reduce dal bellissimo progetto “Apollo Spazio Arte” che ha riguardato la via S. Filippo Bianchi. Alla riunione erano presenti il presidente del Conservatorio “Corelli” Giuseppe Ministeri, il direttore Antonino Averna, il vice Nuccio Crisafulli, il dirigente del Quasimodo Pietro La Tona, i professori Cesare Frisina, Anselmo Cananzi, Matteo Pappalardo e Carmine Giammarino del Conservatorio, la professoressa Giuliana Giuffrida del Quasimodo, la rappresentante dei genitori Caterina Puleo, il geometra Antonino Miceli, l’architetto Giuseppe Orsi, lo storico d’arte Giampaolo Chillè, il docente dell’Accademia di belle Arti Mediterranea Antonello Arena e altri professionisti.

Spaziogazziarte

L’art director Saverio Pugliatti

Inoltre all’incontro era presente anche lo sponsor che fornirà il materiale necessario per la realizzazione dei murales, ossia la ditta Giorgianni Francesca Colori. Durante la riunione si è inoltre parlato dei lavori che riguarderanno la sistemazione dell’intero cortile.

Spaziogazziarte

Una fase della riunione

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti