Burzigotti: “Polito mi ha strozzato l’urlo in gola. Sfortunati sotto porta”

Burzigotti anticipato da PolitoBurzigotti anticipato da Polito

Tra i protagonisti in casa Messina c’è stato sicuramente il centrale difensivo Lorenzo Burzigotti, puntuale nelle chiusure e vicino al bersaglio grosso, con Polito che gli ha negato in extremis la gioia della rete: “Il loro portiere è stato bravissimo perché sono andato su, ho colpito bene, gli ho dato forza e l’ho anche angolato. Mi ha strozzato l’urlo in gola…”.

Nonostante le presenze in calo consueto spettacolo in Curva Sud

Nonostante le presenze in calo consueto spettacolo in Curva Sud (foto Giovanni Isolino)

Di Napoli lo ha rilanciato tra i titolari dopo la panchina di Catanzaro: “Io dò sempre il massimo negli allenamenti per farmi vedere e capire che ho voglia di stare in campo. Quando il mister mi dà l’opportunità cerco poi di sfruttarla”.

L’ex calciatore del Grosseto è stato costretto agli straordinari, anche in virtù della velocità dei vari Nicastro, Arcidiacono e Gatto: “Come reparto credo che abbiamo fatto davvero bene. Ringrazio Luca (Martinelli, ndc) ed Andrea (De Vito) per il supporto, ma anche i centrocampisti ci hanno dato una mano. Loro hanno creato veramente poco e noi gli abbiamo concesso poco spazio, chiudendoli bene. Soltanto su un traversone alla fine del primo tempo ci hanno messo in difficoltà anche se paradossalmente è stato De Vito a colpirla male ed a costringere Berardi alla deviazione decisiva in angolo”.

Fornito trattiene lo scatenato Arcidiacono

Fornito trattiene lo scatenato Arcidiacono (foto Giovanni Isolino)

I campani sono collettivo solido, che sta ritrovando fiducia e consapevolezza insieme ai risultati: “La Juve Stabia qualcosa l’ha concesso. Penso alle opportunità di Barraco, beffato da un rimbalzo del pallone, Cocuzza e Giorgione, oltre al mio colpo di testa. Siamo stati un po’ sfortunati sotto porta. Loro restano comunque una buona squadra, che ha fatto bene anche l’anno scorso ed è in ripresa. Hanno giocatori esperti e fisici, non dobbiamo sottovalutarli o sminuire il valore di questo pareggio”.

Adesso il tour de force con il derby casalingo con l’Akragas e le delicate trasferte di Lecce e Caserta contro le prime due della classe: “Siamo partiti forte, cercando di fargli male. Non è arrivato il gol ma la prestazione c’è stata. Ho rivista grinta e cuore, segno che volevamo vincere. Dovremo proseguire su questa squadra. Ci piace essere lì in classifica, dovremo affrontare una per volta queste tre autentiche finali”.

Commenta su Facebook

commenti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com