Vittorie pesanti di Akragas, Siracusa e Andria. Il Messina è in piena zona playout

Salvemini

Sedicesima giornata per il girone C di Lega Pro, la prima al sabato del trimestre dicembre-febbraio, con sole tre gare che mancano all’appello. La Juve Stabia regola l’1-0 la Virtus Francavilla. Ripa fallisce un rigore nel primo tempo (para Casadei), risolve poi Mastalli al 79′. Palo di Albertini per gli ospiti. Le “vespe” ribadiscono la loro candidatura nella corsa alla promozione. Vince nel finale anche il Monopoli che batte 1-0 il Taranto. Decisivo il centro di Montini all’87’. Sfortunati i rossoblu che hanno colto un legno con Magnaghi, non riuscendo però ad approfittare della superiorità numerica per il rosso a Ricucci. Notte fonda per il Taranto, penultimo in classifica. Il Fondi va ko dopo sette risultati utili consecutivi. L’Andria passa per 2-1 al “Purificato”, ribaltando l’iniziale svantaggio (4′) siglato da Fissore. Per i pugliesi pareggia Cianci su rigore al 56′ (con espulsione di D’Angelo) e timbra la vittoria Valotti all’86’.

Andrea Sottil tecnico del Siracusa

Andrea Sottil tecnico del Siracusa

Importante il successo del Siracusa che ringrazia Valente (in gol su punizione per l’1-0 al 33′) e ottiene tre punti d’oro contro il fanalino di coda Catanzaro. Aretusei a 20 punti per effetto della quarta affermazione in cinque giornate. “Aquile” ridotte peraltro in nove al “De Simone” per le espulsioni di Prestia e Patti. Pareggio giusto (0-0) tra Vibonese e Paganese. Colpo esterno dell’Akragas che si impone di misura sul campo della Casertana. Dopo oltre due mesi senza vittoria la squadra di Lello Di Napoli porta a casa l’intera posta con il guizzo dell’ex messinese Salvemini (80′). Akragas ora a 17 punti con il Melfi. Il Messina scivola in piena zona playout dopo la sconfitta per 3-0 all’Arturo Valerio. Giallorossi a quota 15, al quintultimo posto, insieme alla Vibonese, con soltanto Reggina, Taranto e Catanzaro alle loro spalle.

Commenta su Facebook

commenti