Sant’Agata, Venuto: “Saranno fondamentali gli scontri diretti”

Antonio VenutoAntonio Venuto per due anni è mezzo ha guidato a Gliaca di Piraino il Due Torri dei miracoli

Il Sant’Agata ci ha messo un po’ ad abbattere il muro del Partinicoaudace, ma alla fine ha ottenuto un successo largo e meritato, utile a preparare al meglio il big-match con il Canicattì. Vittoria doveva essere e vittoria è stata, il poker rifilato ai palermitani dai ragazzi di Venuto ha fornito un’ulteriore prova di come i biancoblù siamo ormai pronti e maturi per ostacolare il cammino di Canicattì e Licata.

Venuto

Mister Antonio Venuto sulla panchina del Sant’Agata

Il girone di ritorno sarà tutta un’altra storia. Il tecnico Antonio Venuto aveva più volte avvertito i suoi e la sfida con PartinicoAudace, in parte, gli ha dato ragione: “E’ stata una partita dura, più difficile di quanto non dica il risultato finale. Abbiamo espresso un buon gioco fin dal primo minuto, ma abbiamo sbloccato il risultato solo nella fase finale del primo tempo, questo a testimonianza di quanto saranno dure le sfide in questo girone di ritorno. Potevamo segnare qualche gol in più, ma abbiamo concesso troppo agli avversari, questo in futuro non dovrà accadere perché da qui in avanti i punti peseranno di più. Abbiamo risposto a Canicattì e Licata e ci prepariamo al meglio alla sfida di domenica”.

Con Licata e Canicattì che non perdono un colpo, gli scontri diretti assumeranno un’importanza capitale: “Gli scontri diretti saranno fondamentali – ha continuato il tecnico – Canicattì e Licata stanno facendo molti punti, mantenendo un ritmo davvero notevole. Non basta vincere le partite come questa, perché le nostre dirette avversarie non ne sbagliano una. In questo scenario gli scontri diretti avranno un valore assoluto e chi farà più punti in questi incroci meriterà di andare in serie D”.

Antonio Venuto

Il tecnico del Sant’Agata Antonio Venuto

I frutti del mercato di dicembre si stanno iniziando a vedere: “Sono stati fatti acquisti mirati e di qualità. In estate era stata allestita una formazione che sfruttava le ripartenze, ma adesso abbiamo qualcosa in più lì davanti, copriamo bene il campo e siamo più quadrati, basti pensare che Cicirello ha fatto due gol pur essendo impiegato da mezzala. Dobbiamo mantenere questo assetto, non perdere punti e sfruttare gli scontri diretti che saranno veri e propri spareggi-promozione”.

Nonostante tutto, Venuto non guarda troppo in alto. Il ruolo di terzo incomodo a questo Sant’Agata sin qui non è andato stretto: “Licata e Canicattì stanno rispettando i pronostici, hanno avuto tutto il tempo di attrezzarsi per fare un grande campionato e lo stanno facendo. Conosco questo girone e non dobbiamo dimenticare che il nostro intento iniziale era quello di ambire al ripescaggio in Serie D. Così non è stato, stiamo recitando il ruolo di terzo incomodo, siamo una squadra tosta che vuole divertirsi e che vuole giocarsi al meglio le proprie chance. Lo ribadisco, saranno fondamentali gli scontri diretti che varranno non 3 ma 6 punti”.  

Commenta su Facebook

commenti