Ripresa magistrale di Barcellona. I lunghi regalano il successo su Mantova

Uno sguardo al campo, l’altro alle vicissitudine societarie che negli ultimi giorni hanno fatto palpitare il cuore dei supporter giallorossi. Alla fine la gioia è stata tanto dopo l’ufficialità che la squadra onorerà regolarmente il campionato dopo aver saldato nei termini la terza rata federale (24 mila Euro), pagata in Banca. Onore al merito agli uomini che si stanno battendo in prima linea per la salvaguardia del titolo sportivo nella città del Longano, in primis Fedele Genovese, i soci rimasti, pochi ma sempre sul pezzo ed il Trust che ha reperito in poco tempo utile la somma necessaria. Oggi è di nuovo campionato ed i ragazzi di Perdichizzi col calore del pubblico amico, nell’attesa di rientrare nella propria casa del PalAlberti, affronteranno una neopromossa terribile, Mantova, forte del quarto posto in classifica e costruita in estate dal Gm Sandro Santoro, uomo Sigma per un quadriennio dopo una carriera significativa da giocatore. La parola passa al parquet ed è la cosa più importante per una squadra che chiede solo tranquillità per onorare il torneo e che col crescere della condizione se la sta giocando contro tutto e tutti. Sfida inedita contro i lombardi promossi dalla Silver che con dodici punti sono subito dietro le corazzate dell’A2 Gold. Squadra che ha ben poco della matricola e che punta le sue fortune su un roster nuovo di zecca, un solo riconfermato dal recente passato, e un coach, Morea, preparato e tra i più attesi al varco nella seconda serie nazionale.

Il sostegno del pubblico di Barcellona

Il sostegno del pubblico di Barcellona


La cronaca
: grande omaggio in apertura del pubblico al Gm Santoro poi si parte con Perdichizzi che schiera il solito five composto da Kelley, Spizzichini, Shepeherd, Da Ros e Garri Mantova risponde con Maccaferri, Rullo, Gaddefors, Amoroso e Jefferson. Polveri bagnate all’inizio, ci pensa sempre un Da Ros molto energico a smuovere il tabellino. I biancorssi reagiscono con un bel “gancione” ed un’affondata 1vs0 di Amoroso. Dominio dei lunghi in questo avvio è Da Ros che pareggia i conti (4-4). Minimo vantaggio esterno coi liberi del svedese Gaddefors ma Barcellona è supportata a dovere dall’ex lungo di Verona, ispiratissimo. Mantova vuole forzare i ritmi, la schiacciata di Jefferson è seguita dall’appoggio di Amoroso. Garri si iscrive a referto con un movimento dal centro area (8-10). Ritmi forsennati, la Dinamica segna con Rullo e la tripla di Maccaferri, la Sigma lotta con i chili di Garri (10-15). Bel dai e vai tra Amoroso e Rullo con i lombardi avanti di tre possessi (10-17). I giallorossi segnano solo coi lunghi, Garri, ma lasciano troppo spazio in difesa alle imbeccate puntuali per Jefferson. Entrano Maresca e Marchetti ma il frizzante Maccaferri può involarsi da solo per il più nove esterno (12-21). Perdichizzi chiede energia in difesa e Maresca recupera palla e segna appoggiando al vetro con la gara che s’accende per alcuni contatti oltre il limite. Marchetti (liberi) riavvicina la sua squadra che conserva palla per l’antisportivo, Maresca in zingarata fissa il primo quarto sul 18-21 con Barcellona in grande rimonta.
Nel secondo quarto spazio a Borra ed un quintetto 4/5 italiano, in casa Mantova si rivede dopo un mese Fultz. Il primo canestro è del possente Landi con un piazzato dai sei metri. Jefferson è molto preciso anche a cronometro fermo e Barcellona commette qualche errore di troppo in attacco. L’anemia è sbloccata da Shepherd con la tripla, prima di squadra (21-27). Risponde con la stessa moneta Mazic ma la Sigma trova la bomba di Shepherd e l’arcobaleno di Da Ros per il fulmineo meno quattro. Maccaferri è ispiratissimo e trova la sua seconda tripla con Shepherd tarantolato in questo quarto (28-33). L’affondata a due mani è di Jefferson che regala spettacolo al PalaSerranò dando fiducia anche ai compagni, ci pensa Gaddefors a mettere in mostra il suo bagaglio tecnico e lo Sceriffo chiama il secondo time out sul 28-37. Nei momenti bui è Da Ros a illuminare Barcellona ma Jefferson tratta bene la palla e sforna anche asssit, uno è per Gaddefors che solo in area non può sbagliare (30-39). Maccaferri alza ad una mano una parabola sulla quale ancora Jefferson vola in cielo per la terza correzione volante ed il primo vantaggio in doppia cifra. Mantova chiude con tranquillità il primo tempo coi liberi di Gaddefors e Amoroso (30-44). Tutto il palazzo canta in coro “Sosteniamola” rinviando il pensiero ai noti sforzi societari per salvaguardare il titolo e la Sigma chiude sotto sul 34-46 con i primi quattro punti del match di Kelley. Predominio lombardo sotto il ferro (9-13) e ottima compattezza per il roster di coach Morea, Barcellona proverà a riaprire la sfida.

Barcellona in difesa

Barcellona in difesa

Si riparte con Spizzichini mentre la regia lombarda è tutta per Fultz, la Sigma si riporta in linea di galleggiamento con un produttivo Garri che punisce un mancato raddoppio e poi con la bomba che risveglia il palazzo (39-46). L’ex Trento è scatenato, recupera palla e poi corre in contropiede, correggendo un canestro di Shepherd. Mantova accusa il colpo ma s’affida alla classe di Fultz che brucia in penetrazione il suo marcatore. Sul fronte opposto è Shepherd a segnare con un terzo tempo “vintage” ma efficace. Morea spende la sua sospensione ma alla ripresa il copione non cambia è sempre Garri a trascinare i suoi sul meno tre (45-48). Il pubblico ci crede e sprona i propri beniamini che recuperano palla e con Spizzichini appoggiano il meno uno. Da Ros su assist di Shepherd capovolge la situazione con un break di 15-2 che tramortisce gli Stings. Garri è on fire e segna con continuità, gli ospiti chiudono il parzialone a sfavore con un bel gioco alto-basso per Amoroso (51-50). Kelley realizza al centro area con un bell’uso del corpo, il pareggio è di Rullo con la bomba frontale. Gara avvincente, Kelley rida fiducia alla Sigma (55-53). Rullo impatta ai liberi ma Garri è monumentale e risulta un fattore anche dalla lunga distanza, sale a 19 punti. I giallorossi sono ben altra squadra rispetto al primo tempo, recuperano palla in difesa e volano in contropiede con Da Ros. Mantova segna tre liberi con Landi e Rullo. Kelley è la prima opzione offensiva in attacco ma il pareggio è opera di una prodezza di Maccaferri con la tripla da lontano. Al 30’ perfetta parità a quota 61 (parziale di 27-15).
Marchetti fa rifiatare Kelley, dopo una fase convulsa e con errori è Borra che schiaccia solo in area. Dalla lotta esce vincitore ancora il lungo torinese che mette un altro canestro pesante. I lombardi perdono palla e Maresca s’invola a canestro per il parzialino di 6-0 in tre minuti. Il capitano si ripete con Barcellona che costruisce le sue fortune con una ferrea difesa che annebbia le idee lombarde (69-61). Rientra Garri e la Dinamica non si sblocca in attacco da cinque minuti. Morea vorrebbe sprofondare dopo la persa in attacco ed il recupero di Marchetti che equivale al primo vantaggio in doppia cifra della serata (71-61). Mantova esce dal guado col jumper di Gaddefors, Barcellona si concede allo spettacolo e Mantova non perdona con la triplona di Rullo che dimezza il gap. La Sigma si rifa’ nella sua metà campo, difendendo alla morte. Pesante lo 0/2 di Shepherd ed il 4 fallo di Garri ma gli Stings non trovano la necessaria continuità nel gioco. Da Ros in attacco brucia nella lotta in post alto Amoroso e completa un gioco da tre punti fondamentale (74-66). Dalla carità arrivano i primi punti di Moraschini col cronometro alleato della Sigma. Ingenuità di Spizzichini che commette fallo e Rullo sigla il meno quattro (74-70). Nuovo 0/2 anche per l’ex Virtus, la difesa fa fallo su Kelley che mette tutti d’accordo per il 76-70. Mantova rifiata con Moraschini che realizza in bello stile. Prosegue lo stillicidio ai liberi con un Garri perfetto (mvp con 21 punti). La Dinamica vorrebbe il fallo subito ma il cronometro corre. La parola fine la scrive Kelley con due viaggi in sequenza in lunetta per il conclusivo 81-77. Barcellona può far festa Mantova deve interrogarsi dopo aver comandato i giochi nel primo tempo ma aver giocato in modo remissivo il secondo. Settimana tribolata chiusa nel migliore dei modi per i giallorossi che adesso sono attesi da un tour tutto piemontese con la trasferta di Torino e  la nuova gara casalinga contro Biella. La Sigma può risalire col quinto successo stagionale.

Il riscaldamento della Sigma

Il riscaldamento della Sigma

 Basket Barcellona-Dinamica Mantova 81-77
Parziali: 18-21; 34-46; 61-61; 81-77
Barcellona: Kelley 15, Marchetti 4, Spizzichini 2, Fiorito, Maresca (k) 8, Leonzio ne, Shepherd 10, Garri 21, Borra 4, Da Ros 17. All: Perdichizzi
Mantova: Mazic 3, Jefferson 12, Moraschini 6, Gaddefors 11, Rullo 19, Fultz 2, Landi 3, Stanzani ne, Amoroso 10, Maccaferri 11. All: Morea
Arbitri: Moretti, Caruso e Pazzaglia

Commenta su Facebook

commenti