Presentata la Nuova Igea Virtus. Il derby con la Jonica apre il campionato

Nuova Igea VirtusLa presentazione della rosa della Nuova Igea Virtus al D'Alcontres

A distanza di una settimana esatta dal rinvio originato dalle avverse condizioni meteo, si è svolta la presentazione pre-campionato della Nuova Igea Virtus. La squadra del presidente Bartolo Costantino ha salutato i propri tifosi e i sostenitori della città di Barcellona Pozzo di Gotto direttamente sul manto erboso dello stadio “D’Alcontres-Barone”.

Nuova Igea Virtus

I tifosi della Nuova Igea Virtus accorsi alla presentazione

Il gruppo guidato dal tecnico Pasquale Ferrara era al completo con dirigenza, staff tecnico, vecchi e nuovi calciatori e ha ricevuto il saluto dei propri sostenitori presenti all’evento. La squadra del Longano dopo la vittoria per 4-1 all’esordio stagionale in Coppa Italia contro il Milazzo si prepara all’esordio in campionato di domenica, quando affronterà davanti al pubblico amico dalle ore 15:30 la Jonica per la riedizione dell’ultima finale playoff del girone B di Eccellenza.

Di seguito la rosa aggiornata della Nuova Igea Virtus. 
Portieri – Francesco MAGGI (Olympia Agnonese), Ivan DI FINA (2003), Francesco BUCOLO (2004).
Difensori – Maurizio DALL’OGLIO, Francesco DI BARTOLA (2005), Emanuele DI BELLA (2003, Paternò), Angelo DELLA GUARDIA (Agropoli), Gabriele FRANCHINA, Alessio PATANÈ (2005), Fabrizio SILIPIGNI (2004, Acr Messina), Lorenzo TORRE (2004), Marco TRIMBOLI, Cristian VERDURA (2005).
Centrocampisti – Danilo ABBATE (Mazara), Giovanni BIONDO (Cittanova), Pio BUCOLO (2003), Fabio PRESTI, Amedeo VINCENZI (Favl Cimini).
Attaccanti – Fabio AVENI, Alberto CIRELLI (Real Forio), Guglielmo D’AMICO (2005), Alessio DE GAETANO (2003), Lucas IDOYAGA (Sciacca), Antonio ISGRÒ, Giulio PARDO (Nissa), Santi RUSSO (2004, Reggina, prestito), Antonio SOTTILE (2004), Gioele VERDURA (2005, Catanzaro, prestito).

+ posts
+ posts

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma