Orlandina, Cigarini: “Derby in totale controllo. Siamo vicini a coach Robustelli”

Orlandina BasketL'esultanza di Okereke e Baldassarre per la nuova affermazione casalinga

La Infodrive Capo d’Orlando conquista il secondo successo consecutivo imponendosi su Ragusa e confermandosi regina dei derby siculo-calabri. In conferenza stampa l’assistant coach Federico Cigarini ha sostituito il tecnico Rodolfo Robustelli, analizzando l’incontro che porta a cinque i successi in campionato in dodici gare disputate: “Robustelli è assente per problemi di natura personale. Tutte le componenti del club gli sono vicine, noi, la società e l’ambiente. È stata una gara mantenuta sempre in pieno controllo che ci schiude il secondo successo consecutivo”. 

Orlandina Basket

Federico Cigarini primo assistente di coach Robustelli (foto Spina)

Sui progressi mostrati dal team paladino il tecnico è molto chiaro: “Notiamo che la squadra si sta progressivamente amalgamando e compattando. È una vittoria da dedicare al pubblico e alla dirigenza. Dobbiamo lavorare sodo perché domenica siamo attesi da una trasferta difficile per chiudere l’annata e migliorare la nostra classifica”.

Ragusa è al terzo ko di fila dopo il blitz di Bergamo, la classifica rimane molto precaria. Coach Antonio Bocchino carica il gruppo e sottolinea di non aver visto una squadra in difficoltà: “Una buona gara decisa da alcuni dettagli importanti come i rimbalzi offensivi concessi agli avversari e le palle perse. Si tratta di un ko che a mio avviso non meritavamo con questa proporzione nel punteggio. Sapevamo di affrontare una squadra molto esperta che nei momenti decisivi si affida spesso a Sandri”.

Antonio Bocchino

Antonio Bocchino è il tecnico di Ragusa

La linea verde è una caratteristica del team ibleo. Proprio i più giovani dovranno avere la forza di invertire la rotta di marcia: “Ragusa è tra le squadre più giovani del campionato, abbiamo ritrovato compattezza e coesione dopo i due ultimi ko consecutivi. Vedo spirito di gruppo, sapevamo che l’Orlandina è un’ottima squadra. Con maggiore convinzione nei nostri mezzi potevamo arrivare negli ultimi minuti a giocarcela apertamente. Onore a chi ha vinto che ha meritato, l’Orlandina inoltre sono convinto che nella seconda fase mostrerà il suo reale valore. Noi abbiamo il dovere di recuperare i giocatori e di dimostrare la faccia tosta che ci deve sempre caratterizzare. Sarà poi il campo a dire se stiamo progredendo”. 

Autori

+ posts