Messana, Lucà: “La società mi ha accontentato. Lavoriamo per il salto di qualità”

Michele LucàMichele Lucà è l'allenatore della Messana

La Messana punta ad una stagione da protagonista. Sui campi della Cittadella Universitaria, i ragazzi agli ordini di mister Michele Lucà hanno iniziato la preparazione in vista del prossimo campionato di Promozione, con l’intento comune di compiere l’atteso salto di qualità. La società ha confermato buona parte dell’organico che aveva ben figurato nella seconda parte della passata stagione e ha deciso di continuare il percorso tecnico con l’ex allenatore del Camaro, che ha già fatto benissimo nella categoria.

Alberto Mondello

Alberto Mondello con i nuovi compagni

Dal mercato il colpo a sensazione è stato rappresentato dall’arrivo di Alberto Mondello, terzino goleador classe 1992, fresco di promozione in Eccellenza con l’Igea 1946, l’ennesima conquistata in carriera. L’ampliamento del raggio d’azione del duo dirigenziale formato da Emanuele Rigano e Ciccio De Luca, quest’ultimo al 28esimo anno di Messana tra campo e dirigenza, rappresentano il più chiaro segnale di continuità con il progetto partito lo scorso anno, capace di superare anche le difficoltà iniziali. Gli sforzi profusi dalla società per far sì che la preparazione pre-stagionale venisse svolta nei campi delle strutture dell’Annunziata sono l’altro indizio per vivere un campionato nel quale i giallorossi hanno voglia di guardare avanti e non più indietro.

Messana

Il gruppo a rapporto con mister Lucà

Lucà ha tutta l’intenzione di ripartire da dove aveva lasciato, da quella squadra capace di mettere in difficoltà compagini più attrezzate: “Sono contento perché la società ha deciso di proseguire un progetto tecnico che ha dato dei risultati – ha sottolineato il tecnico – e non parlo solo del sottoscritto, ma mi riferisco anche a tutti i ragazzi che sono stati riconfermati dalla società su mia indicazione. Nel calcio la continuità è importante, così com’è importante la collaborazione tra chi è in campo e chi decide. Sono contento di come abbiamo terminato la stagione, abbiamo giocato alla pari contro squadre forti come Aci Sant’Antonio, Milazzo o Atletico Messina, quindi era giusto ripartire da dove avevamo lasciato”.

Lucà

Lucà dà indicazioni alla squadra

C’è voglia di essere protagonisti, ma senza fare proclami e continuando a lavorare sodo: “Non sarà facile – ammette Lucà –, ci aspetta un’annata dura ma possiamo fare bene. Il colpo Mondello è importante, per ora ho a disposizione venticinque giocatori, ma cinque di questi sono in prova e li valuteremo. Spero, inoltre, che Ciccio Munafò risolva i suoi problemi di lavoro e possa far parte del nostro progetto anche il prossimo anno. La società mi sta mettendo nelle condizioni di lavorare bene, allenarsi in una struttura come il Cus è bello e stimolante, anche se è molto faticoso per via del caldo di questi giorni”.

Messana

La Messana svolge la preparazione estiva alla Cittadella

Lucà lavora anche per creare una squadra più cattiva sotto porta, che sia in grado di concretizzare le occasioni create: “Il gol è stato un nostro problema, ma non perché non riuscissimo a creare occasioni, perché ci mancava un po’ l’istinto del killer. Velardi e Maisano sono due ottimi elementi, fanno un grande lavoro, ma fisicamente soffrono. Non sono due giocatori che hanno il gol nel sangue e quindi su questo bisogna lavorare. Possiamo contare anche sull’apporto di un elemento di grande esperienza come Roberto Casella, che però non è più un ragazzino. Intervenire sul mercato non è facile, pur essendo dilettanti gli attaccanti hanno delle richieste economiche importanti e quindi per una società non è facile andare ad investire in quel settore”.

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva