L’Orlandina non sfigura con Udine. I friulani passano all’ultimo secondo 98-95

Xavier JohnsonUn appoggio a canestro di Xavier Johnson in Orlandina-Udine

Una tripla di Dominique Johnson nel finale decide una sfida bellissima e di grande intensità. Prestazione da applausi per l’Orlandina Basket cui non bastano i 59 punti degli americani e la doppia cifra di Bellan. La prossima settimana paladini attesi da due impegni in Lombardia nel giro di 48 ore. 

Dominique Jonhson

Dominique Johnson, qui marcato da Bellan, ha deciso la sfida all’ultimo secondo

È il buzzer beater di Dominique Johnson a decidere la gara al PalaFantozzi di Capo d’Orlando, tra un’Orlandina combattiva, che riesce a dimostrare di potersela giocare alla pari contro chiunque.

Udine, una delle quattro formazioni più attrezzate del girone verde di Serie A2, riesce a fare sua la gara solo nel finale, con l’americano ex Varese e Venezia a infilare la tripla a due secondi dal termine della gara. 98-95 il punteggio finale. Solo applausi per un’Orlandina mai doma, trascinata dai canestri di Xavier Johnson, che chiude la sua mostruosa gara con 33 punti e dai 26 e 12 assist di Jordan Floyd.

La cronaca del match. Udine parte in quinta, andando subito sullo 0-5 con Italiano e Nobile, prova a rispondere Fall, ma con Johnson, Italiano e Deangeli gli ospiti si portano sul +8 (4-12). A metà del primo quarto suona la sveglia in casa Orlandina: i padroni di casa stringono le maglie e difendono a tutto campo e, guidati dal duo USA Johnson-Floyd, riescono a chiudere il primo quarto sul 16-19.

Matteo Laganà

Il capitano dell’Orlandina Matteo Laganà

La rimonta biancoazzurra, cominciata sul finale del primo, continua in avvio di secondo quarto: le triple di Johnson, Floyd e capitan Laganà, sommati al gioco da tre punti chiuso da Bellan, portano i paladini sul +9 (28-19). Udine torna a segnare con Antonutti, chiudendo il parziale biancoazzurro di 14-0. È qui che inizia il festival delle triple, con Giuri, Bellan, ancora Giuri e poi Italiano.

Poi a Foulland risponde Xavier Johnson, ma c’è ancora spazio per i tiri dall’arco, con Deangeli e Floyd, ma con quattro punti di fila di Giuri la gara torna in perfetta parità a quota 40. Floyd è preciso in lunetta, Taflaj trova due punti in penetrazione, e le triple di Giuri e Floyd mandano le squadre negli spogliatoi sul 47-43.

Italiano la mette da tre in avvio di terzo parziale, ma risponde subito Bellan, poi ancora Italiano, mentre poi la sfida si apre tra Fall e Antonutti (56-53). Anche Johnson si iscrive alla lista dei realizzatori da tre. È ancora Antonutti, di esperienza, a tenere in vita Udine, ma con Floyd, Bellan e il contropiede concluso da Johnson, che schiaccia e subisce anche fallo, andando a chiudere il gioco da tre punti, valgono il nuovo +7 Capo d’Orlando (66-59).

Jordan Floyd

Jordan Floyd in lunetta per un tiro libero

Giuri la mette da tre, ma gli risponde Laganà e Moretti segna il nuovo +9 (71-62). Gli ospiti però allungano la difesa e con un parziale di 2-8 vanno all’ultimo mini-intervallo sul -3 (73-70). Partono ancora bene i paladini in avvio di ultimo quarto, con Johnson e la tripla di Laganà per il +8. Poi si rispondono i due Johnson e il tabellone segna 83-75.

Udine però si rifà sotto guidata da Dominque Johnson, e con il tap-in di Italiano torna ad una sola lunghezza di distanza (83-82 a 6’ dalla fine). Sono ancora i due Johnson a imbucare i ferri e Floyd tiene Capo d’Orlando sul +3 (87-84), ma il gioco da tre punti di Antonutti e la tripla di Italiano ribaltano il punteggio ed è +3 Udine (87-90).

I padroni di casa non mollano, Xavier Johnson mette la tripla del pareggio, Italiano invece segna da sotto, ma Taflaj firma il 92 pari a 2 giri di lancette dal termine. Il numero 3 in maglia nera ne mette solo uno in lunetta, ma Foulland tutti e due (92-95). I paladini sprecano due possibilità dall’arco con Taflaj, e ad 8 secondi dal termine il fallo di Italiano sul tiro da tre di Johnson lo manda in lunetta a firmare il pareggio a quota 95.

Orlandina

L’Orlandina Basket a fine gara

È Dominique Johnson a prendersi l’ultimo tiro della serata e a due secondi dalla fine mette la tripla del +3. Floyd prova a prendere il tiro della speranza da metà campo, ma è inutile. Udine espugna il PalaFantozzi per 95-98. Adesso per l’Orlandina due gare fuori casa: giovedì 10 dicembre a Mantova e sabato 12 a Bergamo.

Orlandina Basket – A.P.U. Udine 95-98
Parziali: 16-19; 47-43; 75-70
Orlandina Basket: Ravì n.e., Taflaj 4, Gay, Floyd 26, Laganà 11, Johnson 33, Del Debbio n.e., Triassi n.e., Tintori, Bellan 11, Fall 6, Moretti 4. Coach: Marco Sodini.
A.P.U. Udine: Johnson 16, Deangeli 6, Amato 1, Antonutti 18, Mobio, Agbara n.e., Foulland 14, Giuri 16, Nobile 3, Pellegrino 4, Italiano 20. Coach: Matteo Boniciolli.

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva