Lo Monaco cerca fondi freschi: uno sponsor per finanziare la nuova Lega Pro?

Lo MonacoPietro Lo Monaco nei corridoi del San Filippo

Per quanto manchi ancora una conferma ufficiale, è ormai noto che Pietro Lo Monaco abbia maturato l’intenzione di proseguire la sua avventura messinese. Già all’indomani della conferenza stampa nella quale ha ammesso, almeno parzialmente, le sue colpe, additando responsabilità a tesserati, tecnici, Amministrazione e piazza, l’imprenditore campano avrebbe confidato ai suoi più stretti collaboratori la rinnovata volontà di ripartire e di lasciarsi alle spalle una cocente delusione come quella rappresentata dalla retrocessione in serie D.

Pietro Lo Monaco

Se la ricerca di nuovi soci non sortirà effetti, Lo Monaco proverà ad ottenere almeno una rilevante sponsorizzazione

La chance più ghiotta è rappresentata ovviamente dall’opzione ripescaggio, che diventerà ancora più concreta se la Lega Pro andrà incontro ai club interessati, riducendo l’entità della somma richiesta a fondo perduto, fin qui quantificata in 600.000 , tanti quanti ne sono richiesti per la fideiussione a garanzia degli investimenti successivi.

Soltanto l’approdo in altre piazze nella qualità di dirigente, operazione sfumata a più riprese nell’arco dell’ultimo anno, potrebbe dissuaderlo. Ma l’impressione sempre più netta è che, pur sotto traccia considerato il silenzio che circonda il club da due settimane, il patron stia lavorando per reperire forze fresche e soprattutto nuovi fondi. In particolare il principale obiettivo sarebbe quello di reperire uno sponsor di spessore, di portata nazionale, in grado di coprire almeno in parte gli onerosi costi di gestione di un club professionistico.

Jorge Cysterpiller

Il procuratore argentino Jorge Cysterpiller, amico di vecchia data di Lo Monaco fin dai tempi di Catania

Lo Monaco avrebbe bussato anche alla porta del procuratore argentino Jorge Cysterpiller, già agente dei vari Andujar, Bergessio e Barrientos, ed amico di lunga data dell’ex amministratore delegato del Catania. Nelle prossime ore si capirà se i contatti avviati potranno o meno regalare qualche certezza di natura economica.

Nel frattempo sarebbe tramontato l’interessamento di una cordata composta da imprenditori maltesi, che avrebbe voluto coinvolgere anche un grande ex, Arturo Di Napoli, reduce da un’esperienza in panchina nell’isola del Mediteranneo. Nelle scorse settimane sarebbe stata valutata concretamente la possibilità di avanzare un’offerta a Lo Monaco. A tessere la trama della possibile trattativa l’avvocato messinese Carmelo Santoro.

Arturo Di Napoli

Arturo Di Napoli contende ad Andrea Sottil la panchina della Paganese

“Re Artù” deve fare i conti con il recente coinvolgimento nell’inchiesta “Dirty Soccer”, che lo costringerà a difendersi nelle sedi competenti per la presunta combine di una gara del Savona che aveva allenato tra il luglio ed il dicembre del 2014. Nelle ultime ore ha preso quota peraltro la sua candidatura come nuovo tecnico della Paganese, dove succederebbe ad Andrea Sottil, che gli azzurrostellati proveranno comunque a trattenere. Ecco quindi che il suo eventuale ritorno-tris in riva allo Stretto appare più lontano.

Commenta su Facebook

commenti