Illecito sportivo: per il Matera 4 punti di penalizzazione e maxi-squalifiche

MateraL'esultanza del Matera

Quattro punti di penalizzazione, da scontarsi nella stagione sportiva 2015/2016, sono stati inflitti dal Tribunale Federale Nazionale-Sezione Disciplinare al Matera, società di Lega Pro, e tre anni di inibizione con ammenda di 50 mila euro ad Alessandro Desolda (all’epoca dei fatti direttore sportivo del Taranto sebbene esonerato dalla prestazione) e Saverio Columella (all’epoca dei fatti persona che svolgeva attività all’interno e nell’interesse del Matera).

Il presidente del Matera Saverio Columella in panchina

Tre anni di inibizione per il presidente del Matera Saverio Columella

Desolda e Columella erano stati deferiti “per avere, prima della gara Taranto–Matera del 30 marzo 2014, posto in essere atti diretti ad alterare lo svolgimento ed il risultato della gara suddetta al fine di assicurare un vantaggio in classifica al Matera”. 

Inoltre il Tribunale Federale Nazionale, in parziale accoglimento del deferimento proposto, ha prosciolto Alessandro Magni (all’epoca dei fatti agente di calciatori iscritto nell’elenco FIGC) e inflitto tre anni di squalifica e 50 mila euro di ammenda a Ninni Corda (allenatore iscritto nei ruoli del Settore Tecnico, al momento tesserato per la società Barletta), e Giovanni Mattu (allenatore iscritto nei ruoli del Settore Tecnico, al momento tesserato per la società Barletta).

Magni, Corda e Mattu erano stati deferiti “per aver posto in essere atti miranti ad alterare lo svolgimento ed il risultato della gara valida per il campionato di Lega Pro, Girone B, Savona-Spal del 06/09/2014”.

Commenta su Facebook

commenti