Leonardo: “Zaine a Londra per il visto. Altrimenti vireremo su altri obiettivi”

Leonardo e D'EboliLa stretta di mano tra Leonardo e D'Eboli (foto Paolo Furrer)

Al fianco di Cocchino D’Eboli, nel giorno della sua presentazione ufficiale, c’era il collaboratore della gestione sportiva Pasquale Leonardo, che lo ha introdotto dinanzi ai giornalisti: “Sveliamo questa nuova figura anche se è dentro al progetto da tanto tempo. Sono contento di essere accanto a lui. Il vento sembra cambiato e ci sono le giuste componenti in società per fare bene. Quest’anno non c’è una squadra ammazza girone come in passato e crediamo che possa essere l’anno giusto, ma non ci piacciono i proclami e preferiamo il lavoro sul campo”.

Pierre Zaine

Pierre Zaine nel giorno della sua presentazione a Messina nel 2014

Il 27enne caraibico Pierre Kareem Zaine, già allenato da Novelli nelle giovanili del Genoa e dell’Aversa Normanna e visto per una breve parentesi in riva allo Stretto nel corso della gestione Lo Monaco, è da tempo un obiettivo di mercato, ma non sarà facile riportarlo a Messina: “Quella di Zaine è una situazione complicata. È a Londra e domani incontrerà l’ambasciatore per capire se il suo visto turistico possa essere tramutato in permesso di soggiorno. Non è semplice, di certo aspetteremo altre 48 ore e poi decideremo se interrompere l’attesa e virare su un altro profilo”. 

L’Acr, prima in classifica, sembra finalmente aver voltato pagina, sia dentro che fuori dal campo: “In passato non c’è mai stato un problema economico – sottolinea Leonardo – ma mancavano i risultati a fronte degli esborsi economici effettuati. Lo scorso dicembre ho visto cose che non mi andavano e ho preferito farmi da parte. Oggi la musica è completamente cambiata e andiamo avanti. Individuare un nuovo direttore generale non è la priorità assoluta, deciderà la società se ingaggiarlo. Il precedente è andato via per problemi di famiglia”.

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva