Il Fc Messina stecca ancora, la Gelbison lo aggancia: solo 1-1 con l’Acireale

CarbonaroCarbonaro ha sfruttato un pallone vagante in area (foto Ciccio Saya)

Il primo pareggio interno della stagione costa carissimo ai peloritani, che perdono un’altra occasione utile, forse l’ultima, per riaprire il campionato e vengono agganciati dalla Gelbison, che dovranno affrontare nel finale di stagione. Nel primo tempo due legni per gli ospiti e poi il vantaggio siglato da Carbonaro. In avvio di ripresa pareggia De Felice. Dopo le espulsioni di Agnelli e mister Costantino non basta un finale generoso: sull’ultimo assalto la traversa nega il possibile gol vittoria. 

Fc Messina

Il Fc Messina celebra la terza rete stagionale di Carbonaro (foto Ciccio Saya)

Il pre-partita. L’Fc Messina torna al “Franco Scoglio” per la ventinovesima giornata e ospita l’Acireale nel terzultimo turno interno della stagione. I peloritani sono reduci dal pareggio di Rotonda e cercano il successo casalingo per alimentare chance promozione. I granata di mister De Sanzo, una nobile del torneo, nell’ultima partita ha pareggiato all’Aci Galatea contro il Castrovillari occupando l’ultima posizione playoff. Mister Costantino schiera l’undici con un 4-3-1-2 con il classe 2000 Arena dietro le due punte Piccioni e Carbonaro. L’Acireale opta per un 3-5-1-1 con Savanarola nella linea di centrocampo con Russo in appoggio a De Felice.

La cronaca. L’inizio è molto inframezzato dai fischi dell’arbitro, ne fanno subito le spese Palma e Lodi con due cartellini gialli. Il secondo sarà costretto per squalifica a saltare la prossima trasferta di Licata. All’8’ calcia da fuori area Agnelli, la palla finisce di poco a lato. All’11’ clamorosa occasione dell’Acireale con Russo che sfiora l’eurogol in acrobazia ma trova solo la traversa della porta difesa da Marone, sull’azione di contropiede cross teso a centro area di Arena sulla ribattuta di Ruggiero si fionda Carbonaro ma calcia alto. Al 21’ esce per infortunio Domenico Marchetti, rilevato da Fissore al centro della difesa. Al 28’ forcing granata nuovamente vicini al gol con la girata di De Felice che in torsione volante timbra la seconda traversa di giornata con Da Silva costretto agli straordinari per scacciare il pericolo. Al 31’ Piccioni stoppa pregevolmente al volo ma tira in bocca a Ruggiero, l’azione però prosegue con Lodi che riconquista palla appena fuori dall’area, De Souza è sfortunato nel rimpallo, la palla finisce all’accorrente Carbonaro che calcia con un preciso rasoterra che trafigge Ruggiero. Terza rete stagionale per l’attaccante ex Venezia. Al 38’ altra grande occasione Fc con un contropiede condotto dal velocissimo Arena che corre per metà campo ed entra in area, De Felice s’immola e salva i suoi.

Carbonaro

Al Fc non è bastata la rete di Carbonaro nel primo tempo (foto Marco Familiari)

Nella ripresa al 3’ Russo in slalom s’incunea nella difesa di casa, è Cangemi a salvare in chiusura in scivolata anticipando la battuta a rete dell’attaccante ospite. Al 9’ st arriva il pareggio dell’Acireale con un perfetto cross di Russo per il colpo di testa di De Felice che solo al centro buca Marone. Granata ad un passo dal raddoppio con l’azione solitaria di Russo che entra in area dopo aver vinto un rimpallo e da dentro l’area il suo tiro fa la barba al palo. Al 14’ su punizione del solito Russo Viscomi va a segno ma in posizione di offside. Al 17’ st è Lodi da fuori area a impegnare severamente Ruggiero che deve deviare in angolo. Al 20’ st Carbonaro si gira in uno spazio stretto e crossa per Piccioni, il suo colpo di testa non sortisce pericolo. Costantino cambia tutto il fronte offensivo, entrano Coria, Bevis e Caballero. Fase di stanca del match, al 38’ dopo una serie di calci d’angolo dell’Fc è De Souza in contropiede servito da Russo a calciare alto. Al 40’ st Agnelli per recuperare un pallone non controlla il suo incedere e si becca il secondo giallo, lasciando in dieci i compagni. Al 44’ st viene espulso per proteste Costantino. Al 45’ Lodi servito da Bevis e sfruttando un bel velo di Caballero manca la rete ma la palla fa la barba al palo. Mani ai capelli per l’ex Catania. Lungo recupero e forcing generoso ma tardivo dell’Fc. Clamoroso al settimo minuto di recupero con la traversa di Caballero su colpo di testa, Bevis tira a botta sicura ma la palla non entra, Coria al terzo tentativo manda alto. Finisce tra la disperazione dei locali. La gara è la fotografia della stagione del Fc, un’autentica incompiuta. La capolista Acr, nonostante due pareggi consecutivi, resta a +4 e ringrazia. La C per la società del patron Arena è sempre più un miraggio, a cinque giornate dal termine. E il secondo posto si giocherà in un autentico spareggio con la Gelbison, che aggancia i peloritani. Mercoledì a Licata sarà peraltro emergenza a centrocampo.

Il tabellino. Fc Messina-Acireale 1-1 
Marcatori: 31′ pt Carbonaro (M), 9′ st De Felice (A).
Fc Messina: Marone, Ricossa, Da Silva, Marchetti D. (19′ Fissore), Cangemi, Palma (18′ st Coria), Agnelli, Lodi, Arena, Carbonaro (22′ st Caballero), Piccioni (22′ st Bevis). A disp.: Monti, Marchetti A., Casella, Bianco, Aita. All.: Costantino
Acireale: Ruggiero, De Pace, Viscomi, Strumbo, Tumminelli (47′ st Celentano), Cozza, De Souza (38′ st Buffa), La Vardera D., Savanarola, Russo, De Felice. A disp.: Mazzini, Ba, Iania, Barbagallo, La Vardera C., Mauceri, Ndiaye. All.: De Sanzo
Arbitro: Leone di Barletta
Assistenti: Salvatori di Tivoli e Librale di Roma 2
Ammoniti: Palma (Fc), Lodi (Fc), Agnelli (Fc), De Souza (A), La verdera (A)
Espulsi: 39′ st Agnelli (doppia ammonizioni) e Costantino (all. Fc)

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva