Due Torri, Saggio: “La fascia, che onore. Due sconfitte immeritate”

Un primo piano per Saggio

E’ tra i veterani del Due Torri e da questa stagione è stato anche nominato capitano. Segno dell’importanza nel gruppo del difensore Francesco Saggio che si racconta intervistato dall’Ufficio stampa del club biancorosso: “E’ un grande onore poter rappresentare il mio paese con questa fascia. Spero di essere all’altezza e di non deludere chi mi ha dato questa grande possibilità, sia in campo che fuori. I ricordi ? Sono tanti, ma quella pioggia al gol di Antonio Butera, nella gara dei playout con il Città di Messina, resterà nei miei pensieri per sempre”.

Microfono al capitano Saggio

Microfono al capitano Saggio

Il campionato del Due Torri, cominciato nel migliore dei modi con due pareggi ed una vittoria esterna, ha fatto poi registrare due battute d’arresto consecutive. Nessun allarme, comunque, per Saggio e compagni: “Siamo una squadra giovane e dobbiamo fare esperienza. Ricordiamoci, inoltre, che abbiamo affrontato fino ad ora formazioni blasonate come Agragas e Agropoli. Aggiungerei pure che siamo “arrabbiati” per quanto si é visto in queste gare e ci sentiamo, se posso permettermi, derubati. Ad Agrigento non meritavamo la sconfitta e neanche con l’Agropoli in casa, ma purtroppo il calcio é anche questo”.

Del suo rapporto con il tecnico Antonio Venuto e circa il proseguo di torneo dice: “Il mister é prima di tutto una grande persona ed un grande allenatore, che per impegno, passione e sacrificio meriterebbe ben altre categorie. A mio avviso é difficile abituarsi a nuovi metodi se non c’é spirito di sacrificio. Questo non e’ il nostro caso, perchè seguiamo tutti il mister. Dobbiamo salvarci il più presto possibile e giocare con la convinzione che non siamo inferiori a nessuno, dimostrandolo partita dopo partita. Il prossimo impegno con la Leonfortese ? Giocheremo con la grinta di tanti leoni, cercando di conquistare i tre punti”.

Commenta su Facebook

commenti