Spadafora, il successo del coraggio. Maganza: “A Siracusa per confermarci”

Luigi Maganza (Spadafora)

Vincere è sempre piacevole, ma quando la vittoria viene ottenuta in rimonta, e dopo esser stati sotto di 20 punti, allora assume un gusto particolare . 

Questo è quanto accaduto al Nuovo Avvenire Spadafora,che ha superato lo Sport Club Gravina per 69-62 in una gara che nei primi due quarti era saldamente in mano agli ospiti. 

“Ci siamo presentati a questa gara con due importanti assenze, Sofia e Vento -dice Coach Maganzae con Stuppia che aveva saltato tutti gli allenamenti per una distorsione alla caviglia. In settimana ci siamo allenati intensamente ed ho spronato tutti al massimo impegno –prosegue il coach – ma nella prima parte di gara non siamo riusciti a fornire una prestazione positiva e stavamo per compromettere il risultato finale. Al riposo , negli spogliatoi ho scosso i ragazzi e chiesto loro di giocare di squadra perché solo così potevamo sperare di rientrare in partita. La loro reazione è stata immediata e nei due quarti finali abbiamo ribaltato il tutto ottenendo la vittoria.

Le risposte che volevo le ho ottenute anche da coloro che magari finora non avevano trovato molto spazio e questo mi rende fiducioso per il proseguo del campionato. Domenica affrontiamo in trasferta il Cocus Club Siracusa, seconda forza del campionato, una gara molto difficile ma, che se affrontata con lo stesso spirito delle ultime due frazioni con il Gravina, potrà permetterci di ben figurare”.

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti