Sant’Agata, la gioia del presidente Paratore: “Inseguivamo da tempo Cicirello”

Giorgio Cicirello in azione con la maglia del Due Torri

“Mi potete richiamare tra circa mezz’ora? Stiamo per concludere un grande colpo di mercato”. Queste sono le prime parole che ci ha rilasciato il numero uno del Sant’Agata, Bernardo Paratore, che abbiamo richiamato subito dopo. In quei momenti, Giorgio Cicirello stava per tornare a casa, almeno calcisticamente parlando.

Città di S.Agata

Squadra e dirigenti del Sant’Agata celebrano insieme l’Eccellenza

Lui, santagatese doc, questa volta non ha potuto resistere alla corte del presidente Paratore, che lo accoglie con grande entusiasmo: “Ci tenevamo molto a portare a termine quest’operazione, Cicirello lo riteniamo un giocatore assolutamente all’altezza e poi il fatto che sia del nostro paese per noi è un motivo di orgoglio. Questo fattore per noi vuol dire tanto – ha spiegato -. L’abbiamo coccolato, gli abbiamo dato le dovute garanzie ed alla fine ha accettato e ciò è per noi motivo di grande soddisfazione. Dopo gli acquisti di ieri abbiamo aggiunto un altro tassello importante per la prossima stagione”.

L’attacco è il reparto che maggiormente sarà toccato da questo mercato. C’è carenza numerica ed è quindi certo che quello di Cicirello non sarà l’unico innesto. Tanti i nomi sul taccuino biancoazzurro: piace, e molto, il bomber del Girone A Davide Testa, mentre sembra essersi notevolmente raffreddata la pista che porta a Tindaro Calabrese: “Guardiamo sia nella nostra provincia che fuori. Con Testa ci sono stati dei contatti, ma fin qui non c’è nulla di definitivo. Anche Cannavò rimane in ballo, ma ha offerte anche da categorie superiori. Ancora le strade nostre e quelle di Calabrese non si sono incontrate. Ci sono stati dei contatti e ci sono ancora tante cose da definire, sempre nel massimo rispetto di un giocatore che per la categoria è un’assoluta garanzia”.

Antonino Longo effettua un rilancio

Antonino Longo effettua un rilancio

Intanto la società ha piazzato altri colpi importanti, assicurandosi le prestazioni di Parisi, Longo Barberi: “La nostra garanzia si chiama Pasquale Ferrara. Il fatto che la società abbia affidato la squadra a lui fa capire la portata del nostro progetto. E’ una garanzia per noi e per chi lo ha avuto a Rocca. Sicuramente il nostro progetto non è quello di vincere il campionato, ma possiamo dire la nostra. Chiunque verrà a Sant’Agata dovrà sudare per uscire indenne dal nostro campo. Il terreno di gioco? Grazie ad alcuni fondi reperiti dal Comune e ad una ditta esterna stiamo rifacendo la zona degli spogliatoi e il terreno con rifacimento del manto erboso”.

Tornando al mercato, ma a quello in uscita, il destino di Regina e Carrello è ormai distante da Sant’Agata: “Carrello ha già avuto il nostro benestare a lasciare la squadra, mentre Regina andrà via per essere un pò più libero e potersi confrontare con un campionato meno impegnativo dell’Eccellenza”.

Commenta su Facebook

commenti