Pareggiano tutte le big. Risale il Catania, Reggina sprofonda, Catanzaro ultimo

CataniaUn'uscita del portiere etneo

Tutto invariato al vertice dopo la tredicesima giornata del girone C. La capolista Juve Stabia fermata a Caserta. Corado, al 24′, per il vantaggio dei “falchetti” che poi restano in 10 per il rosso a Corriero. Le “vespe” trovano l’1-1 grazie ad un gran gol da fuori area di Mastalli al 77′. Identico risultato, ma copione diverso, per il Foggia a Pagani. Al 6′ rossoneri in gol con Sarno. Pari di Camilleri, al 43′, dopo un batti e ribatti a seguito della traversa colta da Cicirelli su punizione. I “satanelli” sprecano nella ripresa il match point con Letizia che si fa parare un rigore da Marruocco. Espulso Martinelli nel finale. E’ finita 1-1 anche tra Lecce e Cosenza. I silani sfiorano l’impresa con Gambino (32′), poi Mancosu la raddrizza per i salentini al 65′ con una conclusione dalla distanza. Niente da fare per il Matera, al suo secondo 0-0 consecutivo. Non è bastato il dominio ai padroni di casa, con Baiocco grande protagonista per il Fondi. Per Auteri un’occasione persa. La Juve Stabia è sempre sopra di tre lunghezze rispetto al trio di inseguitrici.

L'ex Marruocco, tra i migliori dei suoi

Marruocco, portiere della Paganese

Dilaga il Melfi contro una Reggina sempre più in crisi. Lucani vittoriosi per 3-0. Tutto in 9 minuti, dal 66′ al 75′. Sblocca Laezza, raddoppia Gammone, cala il tris De Vena su rigore. Amaranto anche in 10 per l’espulsione di De Bode. Il Catania batte 3-1 il Catanzaro e lo spinge all’ultimo posto in classifica. Al 2′ subito il vantaggio firmato da Biagianti, poi Tavares risponde di testa al 29′. Mazzarani al 47′ del primo tempo e Di Grazia al 68′ per il tris etneo. Gara nervosissima: ben cinque (Catania in 9, Catanzaro in 8) gli espulsi! Bergamelli e Prestia (che ha urlato “Forza Palermo” uscendo dal campo) i primi ad essere allontanati, poi Gil, Di Bari e Pasqualoni. Rossoazzurri in grande ascesa e ora a quota 15.

Siracusa

Il Siracusa festeggia

Poker del Siracusa ai danni dell’Akragas e sorpasso ai rivali: 4-2. Inutile il doppio vantaggio con Gomez e Pezzella, tra il 13′ ed il 17′, la squadra di Lello Di Napoli infatti crolla successivamente. Turati e Catania, dal 36′ al 40′, per la parità. Valente (70′) e ancora Catania (76′) completano l’opera. Colpo (0-2) esterno della Vibonese a Monopoli. Apre Cogliati al 7′, chiude l’ex giallorosso Leonetti al 92′. Rossoneri a 13 insieme al Messina e all’Akragas. Alle spalle Taranto (atteso lunedì dal posticipo con la Virtus Francavilla) e Reggina 11, Melfi 10, Catanzaro 9.

Commenta su Facebook

commenti