Orsa condannata per una vertenza, nonostante il bonus Covid. Lo sfogo della società

Lorenzo Crisafulli (foto Lo Giudice)Lorenzo Crisafulli, dirigente responsabile dell'Orsa Barcellona (foto Lo Giudice)

Di seguito pubblichiamo il comunicato emesso dalla società Orsa Barcellona in riferimento all’ingiunzione di pagamento ricevuta dalla Commissione Arbitrale Fip a seguito della vertenza presentata da un suo ex collaboratore. Oggetto del contendere il rimborso richiesto a seguito della sospensione dei campionati per il Covid 19, pagato adesso dalla società che si va però a cumulare al bonus collaboratori erogato dal Governo:

Orsa Barcellona

L’Orsa Barcellona celebra un successo

“Riteniamo doveroso riferire quanto accaduto alla nostra società nei mesi scorsi, per mettere in risalto come taluni atteggiamenti di tesserati e organi di giustizia federali abbiano preso posizione su un argomento molto delicato che, se tralasciato, riteniamo possa arrecare un danno enorme non solo al movimento cestistico dilettantistico ma all’intero mondo sportivo dilettantistico.

Come ben tutti saprete nei primi mesi di marzo del 2020, causa la pandemia da Covid-19, la Federazione Italiana Pallacanestro decretò la sospensione definitiva di tutti i campionati regionali, sia senior che giovanili. Tale decisione, nonostante i notevoli danni economici che avrebbe causato a noi piccole società, venne accettata in considerazione della gravità della situazione sanitaria della nostra nazione.

Un pallone da basket

Il basket regionale ha posticipato ancora la ripresa dei tornei

Fortunatamente e prontamente il Governo ha messo in piedi delle misure per supportare economicamente i collaboratori sportivi e con essi atleti e tecnici che a causa dello stop avevano dovuto sospendere la propria attività. Questo supporto consisteva in un’erogazione di 600 euro mensili che i collaboratori si sono visti riconosciuti per i mesi di marzo, aprile, maggio e giugno di quest’anno.

Fino a qui tutto normale, se non fosse che nel mese di luglio ci vediamo recapitata via mail una richiesta da parte di un Avvocato che, per conto di un nostro Collaboratore ci richiede una somma quale saldo rimborsi spese per i mesi di marzo, aprile e maggio 2020 e come premi per il raggiungimento delle vittorie dei campionati e piazzamenti vari.

Klaudio Ndoja

A pesare è il caso di Klaudio Ndoja a Forlì

Prontamente contattiamo il legale del tesserato, al quale facciamo notare come l’attività sia stata sospesa per causa di forza maggiore (una pandemia) e che il tesserato aveva, proprio per questo motivo, richiesto nel mese di aprile il riconoscimento del Bonus collaboratori, mentre in merito ai premi nulla a nostro avviso era dovuto non essendosi conclusi i campionati.

E invece con nostra sorpresa il giorno 16 ottobre riceviamo da parte della Fip Commissioni Vertenze Arbitrali un’ingiunzione di pagamento per un importo inferiore (nel frattempo sia il tesserato che il suo avvocato si erano resi conto che pretendere i premi per una vittoria di un campionato non conclusosi era un’assurdità), in virtù di una precedente sentenza del Collegio Arbitrale in merito al lodo Ndoja/Forlì (trattasi dell’allora campionato di LegaDue, semiprofessionismo), in base al quale era stato riconosciuto all’atleta l’80% del totale pattuito per l’intera stagione.

Gianni Petrucci

Il presidente della Fip Gianni Petrucci

A questo punto la nostra società avrebbe dovuto presentare un ricorso, con un aggravio di spese legali che superava di parecchio l’importo da pagare, in quanto la questione sarebbe dovuta passare dal giudizio di una terna arbitrale. Pertanto abbiamo deciso nostro malgrado di pagare.

Allora noi poniamo i seguenti quesiti: – Presidente Petrucci, non ritiene che la commissione vertenze, prima di dichiarare che il credito richiesto dal collaboratore fosse lecito ed emettere l’ingiunzione nei nostri confronti, avrebbe dovuto verificare se il collaboratore avesse già percepito per quei mesi il bonus collaboratori?

Vincenzo Spadafora

Il ministro delle Politiche giovanili e dello Sport Vincenzo Spadafora (foto Ansa)

– Ministro Spadafora, non ritiene che alla luce di quanto da noi evidenziato, il nostro collaboratore essendo stato pagato dalla nostra società non avrebbe dovuto percepire il bonus collaboratori?
– Presidente Petrucci e Ministro Spadafora, non ritenete che se tutti i tesserati di tutti gli sport avessero agito come ha agito il nostro collaboratore e se tutte le commissioni vertenze avessero avallato tali richieste, oggi il 90% delle società sportive dilettantistiche si ritroverebbero a dover chiudere l’attività?
Oggi il problema si ripresenta, perché purtroppo la pandemia non è stata sconfitta. La nostra società fortunatamente non ha più tra i suoi tesserati quel collaboratore. Di conseguenza qualche altra società si troverà ad affrontare questo problema, pertanto le auguriamo buona fortuna. Certi di una pronta e sollecita risposta, cogliamo l’occasione per inviare cordiali saluti”.

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva