Milazzo, Bottari non vuole cali di tensione: “Dritti verso la salvezza”

Benedetto BottariBenedetto Bottari ai nostri microfoni

Il peggio è passato. Il successo con il Forza Calcio Messina ha rasserenato tutto l’ambiente rossoblù, avvicinando sensibilmente il Milazzo alla salvezza. I tre punti nel derby di domenica contro l’Orlandina allo stadio “Salmeri” non dovrebbero sfuggire ed è  l’occasione ideale per riscattarsi davanti al pubblico amico dopo lo scivolone contro il Catania San Pio X.

Le indicazioni del tecnico Alacqua (Milazzo)

Le indicazioni del tecnico Alacqua (Milazzo)

Poi  è arrivata l’affermazione in casa dei giallorossi, ma soprattutto la prestazione che il direttore generale Benedetto Bottari si aspettava: “Sabato scorso è arrivata una vittoria pesante. Va dato il giusto valore sia alla pesantezza dei tre punti che all’atteggiamento della squadra. Abbiamo giocato una partita tosta e propositiva, di grande spirito di sacrifico e abnegazione, esattamente ciò che è mancato con il Catania San Pio. Siamo scesi in campo con la dovuta cattiveria agonistica e questo ci ha permesso di fare nostra la gara nonostante l’inferiorità numerica”.

La formazione del Milazzo

La formazione del Milazzo

Adesso la salvezza è più vicina, ma soprattutto la settimana più difficile degli ultimi mesi è davvero dietro le spalle: “E’ un passo importante e consistente verso il nostro obiettivo, ma adesso dobbiamo fare più punti possibili per avere la matematica certezza di essere in Eccellenza anche il prossimo anno. Una volta centrato l’obiettivo non ci dovremo rilassare, è importante chiudere dignitosamente la stagione per finire il più in alto possibile in classifica. Quella dopo la sconfitta con il Catania San Pio non è stata la settimana più difficile in assoluto, ma la più difficile da ottobre-novembre ad oggi sì. I ragazzi sapevano di aver sbagliato l’approccio alla gara e c’è stata insofferenza e voglia di rivalsa, olte alla tensione agonistica. Fortunatamente si è giocato sabato, così abbiamo evitato un giorno di trepidazione”.

La rabbia di Di Dio, portiere del Milazzo

La rabbia di Di Dio, portiere del Milazzo

Vincere con l’Orlandina è obbligatorio per prepararsi al meglio alla delicata sfida di Taormina: “Abbiamo l’obbligo di vincere, dobbiamo riscattarci dopo l’ultima sconfitta interna ma soprattutto dobbiamo aggiungere ulteriori tre punti alla nostra classifica. A Taormina, poi, sarà molto dura. Li ho visti giocare contro l’Acireale e mi hanno fatto  un’ottima impressione. Meritano la classifica che hanno”.

Commenta su Facebook

commenti