Locri-Messina manca dal 1997. Giallorossi mai vittoriosi né a segno nei pochi precedenti

I giocatori del Locri salutano il pubblico

Locri-Messina si giocherà domenica a distanza di ventuno anni dall’ultimo precedente. Rarissimi, infatti, i confronti tra le due squadre. Nel Campionato Nazionale Dilettanti 1996-97 il Locri si piazzò a soli due punti dal Crotone, promosso in Serie C2, contendendo il salto di categoria fino al termine (0-0 nello scontro diretto all’ultima giornata) alla formazione allora allenata da Bruno Giordano. In quella stagione, contro l’As Messina finì 2-0 per effetto delle reti di Piperissa al 78′ e Chiera all’81’. Analogo risultato si ripeté contro la Peloro, battuta per 2-0. A sbloccare il risultato ci pensò Leo Criaco, su punizione, trafiggendo un giovane Manitta. Raddoppio ad opera di Chiera.

Leo Criaco ex di Locri e Messina

Il presidente Emanuele Aliotta, conquistato dalle doti del difensore goleador, lo volle poi a tutti i costi nel suo club, divenuto Fc Messina Peloro alla luce del cambio di denominazione. Criaco fu tra i primi acquisti dei peloritani per il torneo 1997-98, stravinto sotto la gestione Ruisi, grazie anche alle 15 reti del giocatore nativo di Africo. A Locri, però, il Messina non andò oltre lo 0-0, un match a cui i giallorossi arrivavano dopo aver vinto nove delle dieci partite iniziali. Questa la squadra che affrontò il Locri il 9 novembre 1997: Manitta, Beccaria, Guercio, De Rosa, Surace, Criaco, La Torre (64′ D’Angelo), Perfetti (76′ Zottoli), Pannitteri, Romano, Sparacio.

Commenta su Facebook

commenti