L’Igea passa a Taormina con Assenzio su rigore. Grave infortunio per Fragapane

IgeaLo scontro aereo di Cassaro su Abate

Seconda sconfitta casalinga per il Città di Taormina, ko di misura con l’Igea 1946 che strappa l’intera posta in palio al Bacigalupo grazie allo 0-1 realizzato da Assenzio su rigore al 50’ del primo tempo. Una partita sporca, ricca di polemiche, nella quale è doveroso segnalare il brutto infortunio subito da Alessandro Fragapane, costretto a lasciare il campo alla mezz’ora del primo tempo dopo uno scontro con Isgrò. Al ragazzo, arrivato a Taormina appena una decina di giorni, va il più sentito augurio di pronta guarigione da parte della società, dello staff tecnico, di tutti i compagni di squadra e della Redazione di MessinaSportiva.

Città di Taormina

Una chiusura dello sfortunato Fragapane su Lucarelli

La cronaca. Inizio equilibrato e poche opportunità da una parte e dall’altra. Dopo una mezza occasione in apertura per La Spada, che arriva in ritardo sulla palla di Assenzio, al 24’ Abate cerca l’assist per Pantano anticipato al momento della conclusione da Franchina. Sul prosieguo dell’azione, l’episodio che porta alla sostituzione di Fragapane dopo un robusto scontro di gioco con Isgrò. Dentro Mannino e Pantano scivola da terzino sinistro. La gara ci mette un po’ a tornare “normale”, Dennis Castorina al 38’ scalda i guantoni di Paterniti, ma il punteggio si sblocca proprio in pieno recupero. L’Igea continua a giocare nonostante Cassaro a terra a centro area, Isgrò pesca La Spada sul secondo palo, il cui tiro è salvato sulla linea da Pantano, per l’arbitro con la mano. Rigore, espulsione dell’8 di casa e dal dischetto Assenzio fa 0-1.

L’Igea fa valere la superiorità numerica e si rende pericolosa con un colpo di testa di Assenzio su cui vola Cirnigliaro e con un’iniziativa di La Spada fermata dallo stesso portiere di casa. Il tiro di De Gaetano, al 59’ si stampa sulla traversa e sul tap-in Isgrò calcia alto. Poi tocca ancora a La Spada presentarsi a tu per tu con Cirnigliaro che lo ferma in uscita fuori dall’area di rigore. Città di Taormina che ci prova con caparbietà e al 68’ Cassaro stende Abate sulla trequarti e rimedia il secondo giallo della sua partita. In parità numerica inizia un nuovo match: Abate al 78’ calcia a lato di un soffio dalla distanza e pochi minuti dopo è Famà a non trovare la porta da due passi su cross di Urso. Abate, poi, troverebbe anche il pari, ma in posizione di fuorigioco (tante le segnalazioni controverse dell’assistete Conticelli), mentre proprio al 90’ lo stesso Abate non riesce a trovare l’impatto con la sfera su palla ancora di Urso. In pieno recupero, poi, la terza espulsione di giornata comminata a Trovato per proteste.

Igea

Il rigore decisivo segnato da Assenzio

Il tabellino. Città di Taormina-Igea 1946 0-1 
Marcatore: 50’ pt Assenzio (rig.).
Città di Taormina: Cirnigliaro, Urso, Fragapane (30’ pt Mannino, 32’ st Biondo), Sardo, Trovato, Petrullo, Emanuele (47’ st Saccullo), Pantano, Abate, Castorina (32’ st S. Strano), Famà. Allenatore: Eugenio Lu Vito. A disposizione: Sanneh, Lo Re, Viscuso, Puccio.
Igea 1946: Paterniti, Dall’Oglio, Cassaro, Doda, Franchina, Incatasciato, De Gaetano (23’ st Trimboli), Assenzio (28’ st Longo), La Spada, Lucarelli, Isgrò (34’ st Carrello). Allenatore: Giuseppe Alizzi. A disposizione: Di Fina, De Zan, Bucolo, Semprevivo, Marconi, Gio. De Marco.
Arbitro: Michele Buzzone di Enna.
Assistenti: Nicola Conticello e Giulio Sorace di Catania.
Note – Ammoniti: Cassaro (I), Sardo (CdT), Petrullo (CdT), Emanuele (CdT). Espulsi: 45’ pt Pantano (CdT), 23’ st Cassaro (I), 49’ st Trovato (CdT). Corner: 0-7. Recupero: 7’ e 7’.