Lega Pro – Gravina: “Macalli si dimetta. C’è un palese senso di sfiducia”

Gabriele GravinaGabriele Gravina

“Se in un qualsiasi ente, non fosse approvato il bilancio, chi rappresenta quell’ente dovrebbe dimettersi capendo chiaramente che c’è nei suoi confronti e nel ruolo che svolge, un palese senso di sfiducia. Macalli, quele presidente della Lega Pro, non è esente da questa responsabilità e il voto di oggi certifica la profonda insoddisfazione delle società da lui rappresentate”. Lo afferma, in una nota, Gabriele Gravina, consigliere federale della Lega Pro, dopo l’assemblea che ha visto la bocciatura del bilancio. “Per il mio ruolo ho piena facoltà di intervenire in assemblea – spiega Gravina -. Poco dopo aver preso la parola sono stato bloccato dal presidente Lotito, che è stato pesantemente contestato dalle società per la sua azione immotivata ed autoritaria. Il mio intervento voleva richiamare l’attenzione di tutti verso una visione diversa e moderna della gestione delle risorse. Il voto delle società – conclude Gravina – è stato un chiaro segnale di contestazione alla governance e di desiderio di discontinuità. Se Macalli vuole continuare a sottostimare il dato e a minimizzare ciò che è accaduto, dimostra un atteggiamento lontano dalla realtà”.  

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti