L’Acr Messina si scusa con la città per il movimentato post-gara di domenica

ArcidiaconoUn controllo acrobatico di Pietro Arcidiacono (foto Nino La Macchia)

La società Acr Messina si rivolge ai rappresentanti della stampa, alla città e ai tifosi chiedendo scusa per quanto avvenuto domenica pomeriggio al termine della gara negli spazi adibiti alle interviste e nella hall dello stadio “Franco Scoglio”.

«Purtroppo la tensione dell’evento sportivo è stata una componente negativa nella gestione del post partita. Avevamo chiesto e ci sarebbe piaciuto poter condividere una nota congiunta con l’altra società ma così, purtroppo, non è stato e quindi, da padroni di casa, ci sembra doveroso scusarsi con chi in quel momento stava svolgendo il proprio lavoro e con i nostri tifosi».

Amadio

Amadio gestisce un possesso (foto Nino La Macchia)

Alla luce delle decisioni del Giudice Sportivo, inoltre, la società «diffida chiunque ad accostare il nome di qualsiasi suo tesserato ad espressioni discriminatorie o frasi razziste. Il referto della terna arbitrale e le motivazioni del Giudice Sportivo parlano chiaro e la nostra società ha un regolamento ed un codice etico firmato da tutti i tesserati. Diversamente saremo costretti a dare mandato ai nostri legali di tutelare il nome e la reputazione della società e dei nostri tesserati». 

Commenta su Facebook

commenti