La Viola trema. Lunedì la sentenza del Tribunale Federale sulla mancata fideiussione

ViolaViola Reggio Calabria

Reggio Calabria (girone Ovest) attende per il pomeriggio di lunedì la decisione del Tribunale Federale della FIP – primo grado della giustizia sportiva – in merito al deferimento richiesto dalla Procura Federale per l’irregolarità della fideiussione necessaria all’iscrizione e alla successiva ammissione al campionato 2017-18. La proposta dell’accusa, per punire la supposta frode sportiva per responsabilità oggettiva (a giudizio anche il proprietario Giancesare Muscolino e il presidente Raffaele Monastero), sarebbe quella di comminare una pesantissima penalizzazione – si vocifera 30 punti- che farebbe scivolare la Viola all’ultimo posto con relativa retrocessione diretta in serie B. La difesa –al di là del versamento di 100 mila euro annunciato a copertura della fideiussione irregolare effettuato presso LNP – punta sulla buona fede del club calabrese, che si considera parte lesa nella vicenda, punta sull’assoluzione o su una penalizzazione minima. Il comma 3 dell’articolo 61 che disciplina la frode sportiva non prevede un massimo di punti(“uno o più punti”); i 7 punti previsti dall’articolo 52 R.G. Come massimo dopo il quale scatterebbe automaticamente la retrocessione al campionato inferiore si riferiscono a sanzioni relative ai ritardi nei versamenti delle rate FIP, fattispecie totalmente diversa da quella in oggetto.

Commenta su Facebook

commenti