Il “Poz” nuovo coach della Fortitudo. Rileva Boniciolli frenato da problemi di salute

PozzeccoVarese-Milano, 18': Pozzecco non riesce a trattenere la rabbia e si strappa la camicia di dosso. Subirà una squalifica di cinque turni

Sarà Gianmarco Pozzecco il tecnico incaricato di sostituire Matteo Boniciolli sulla panchina della Fortitudo Bologna e a guidarla fino al termine del campionato di serie A2, cercando di ottenere sul campo la promozione in serie A.
La trattativa è definita, praticamente chiusa, manca solo l’ufficialità della Effe ma il coach triestino di nascita e con alle spalle l’esperienza pluriennale a Capo d’Orlando si è accordato sulla base di un contratto dalla durata biennale. Il Poz ritorna a Bologna nella squadra che ha guidato in cabina di regia dal 2002 al 2005, adesso lo farà da allenatore, ripartendo dopo una stagione di stop dall’ultima esperienza maturata in Croazia al Cedevita Zagabria dove era vice di Mrsic.

Determinante per il ritorno del Poz in Italia la scelta di Matteo Boniciolli di prendersi una pausa dall’attività agonistica dopo alcune difficoltà fisiche attraversate nell’ultimo periodo che lo hanno limitato alla guida del club felsineo.
Curioso l’avvicendamento tra due allenatori nati a Trieste con la provincia di Messina nel proprio destino. Boniciolli ha allenato per undici partite la Pall. Messina nella stagione 2003/2004 con un record di 5 successi e sei sconfitte prima che la crisi economica avvolgesse il club giallorosso alla sua prima storica avventura in serie A.

Boniciolli

Matteo Boniciolli

Pozzecco invece ha eletto Capo d’Orlando come sua seconda casa, il 25 luglio 2007 firma infatti un contratto annuale con l’Upea Capo d’Orlando. Dopo aver disputato una regular season di altissimo livello con quasi 18 punti e 8 assist a partita, Pozzecco ha affermato di volersi ritirare dal basket giocato dopo aver giocato i play-off.
Il 15 maggio 2008 al Pala Del Mauro di Avellino darà l’addio alla pallacanestro a tre minuti dalla conclusione della gara di play-off Avellino-Capo d’Orlando quando ormai le sorti della gara erano segnate con l’eliminazione della squadra di Pozzecco. La partita è stata interrotta per concedere all’atleta l’applauso del pubblico e dei giocatori. Ci sarà comunque spazio nel 2010 al suo fugace ritorno in Serie C Dilettanti con la “nuova” Orlandina Basket disputando una gara in campionato chiusa in doppia cifra.

Proprio a Capo d’Orlando inizia la carriera di allenatore. Esattamente il 13 novembre 2012 viene nominato nuovo allenatore dell’UPEA Capo d’Orlando in sostituzione di Massimo Bernardi. Prende in mano la squadra in ultima posizione (0-6) e chiude la stagione all’undicesimo posto (12-16) per un totale di 12 vittorie e 10 sconfitte alla prima stagione da allenatore. In estate decide di prolungare il suo rapporto con l’Orlandina Basket. Nella stagione 2013/2014 diventa l’allenatore di Matteo Soragna e Gianluca Basile, suoi ex-compagni in Nazionale, ingaggiati nel mercato estivo dalla dirigenza paladina e che per bocca del presidente Sindoni rappresentano un patrimonio inestimabile nella storia cestistica del club paladino. La sua Orlandina chiuderà seconda in stagione regolare e arriverà in finale perdendo la serie 3-0 contro l’Aquila Basket Trento.
Adesso si profila la nuova avventura a Bologna e tutto fa presagire che si vivrà l’ennesimo show per mano di uno dei personaggi più amati della nostra pallacanestro.

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com