Il Città di Taormina congeda Eugenio Lu Vito. Gli succede Giuseppe Furnari

Città di TaorminaMario Castorina, Giuseppe Furnari e Giovanni Cardullo

Il Città di Taormina ha comunicato l’interruzione del rapporto professionale con l’allenatore della prima squadra Eugenio Lu Vito e con il suo vice Andrea Lombardo. Al tecnico “il sentito ringraziamento per il lavoro svolto e la professionalità mostrata in questi due anni vissuti insieme e i migliori auguri per il prosieguo della carriera”. Contestualmente il club ha annunciato che il nuovo allenatore sarà Giuseppe Furnari, che ha già diretto il primo allenamento della squadra. Al suo fianco resta, invece, il preparatore dei portieri Orazio Vittorio.

Eugenio Lu Vito

Eugenio Lu Vito lascia la panchina del Taormina

Messinese, classe 1970, dopo una carriera da difensore centrale con, tra le altre, Camaro, Messana e Tiger Brolo, Furnari ha iniziato la sua vita da allenatore vincendo il campionato di Prima Categoria con la Messana nel 2014/2015, ottenendo subito il salto in Promozione. Un curriculum impreziosito, successivamente, dai campionati vinti con il Camaro (2016/17 promozione in Eccellenza) e Città di Messina (2017/18 promozione in Serie D). Al debutto in quarta serie, poi, ha ottenuto la salvezza ai playout. Nelle ultime due stagioni, infine, ha guidato l’Igea 1946 in Eccellenza.

“Ritrovo amici con cui ho già avuto il piacere di lavorare – dice Furnari nelle sue prima dichiarazioni da allenatore del Città di Taormina – come Maurizio Lo Re, Giovanni Cardullo e Luigi D’Alessandro e anche il presidente Mario Castorina, che conosco perché ci ho spesso giocato contro e conosco la sua preparazione e serietà. Cercheremo di raggiungere gli obiettivi che la società si è prefissata con una squadra che ritengo importante, con parecchi giocatori che hanno già vinto questo campionato e curriculum importanti. Un torneo di Eccellenza, poi, che trovo meno competitivo rispetto all’anno scorso, con una netta distinzione tre le sette-otto squadre che stanno sopra e quelle che lotteranno per non retrocedere. Così diventa più complicato recuperare i punti persi perché bisogna poi obbligatoriamente andare a vincere gli scontri diretti”. 

The following two tabs change content below.