Camaro, è un buon punto. Arena ferma la capolista Marina di Ragusa: 1-1

Giovanni Arena esulta dopo l'1-1 con il Marina di Ragusa (foto Isolino)

Un Camaro dal grande cuore non si arrende di fronte alla capolista Marina di Ragusa e alla malasorte che sembra tormentare questo avvio di girone di ritorno e porta a casa un punto prezioso soprattutto per innalzare il morale. Neroverdi puniti alla prima disattenzione e ospiti in vantaggio con un gol di Reinero dopo 9′, al termine di un’azione viziata forse da una posizione di fuorigioco. Al 17′ Mondello fallisce un rigore, la deviazione al volo di Arena, all’86’, vale l’1-1.

LA CRONACA – E’ il Camaro a provarci per primo dopo 5 minuti di gioco: ripartenza di Paludetti e palla per Genovese, fermato da una segnalazione di fuorigioco al momento di battere a rete. Il Marina di Ragusa si vede in avanti per la prima volta all’8′ ma il diagonale mancino di Alessandro Arena dall’interno dell’area di rigore termina a lato. Passa un minuto e gli ospiti sbloccano la gara: Alessandro Arena riceve in area in sospetta posizione di fuorigioco sul cross di Carnemolla e colpisce di testa trovando inizialmente l’opposizione di Sanneh, che però non blocca la sfera, lo stesso Arena tocca di nuovo il pallone favorendo la deviazione a porta sguarnita di Reinero per il gol dello 0-1. Il Camaro prova subito a reagire e all’11’, sulla punizione di Mondello, Genovese in spaccata riesce solo a sfiorare la sfera sotto porta. Azione molto simile poco più tardi, al 12′, dall’altra parte: punizione di Alessandro Arena, Saccà in scivolata mette dentro ma in posizione irregolare. I neroverdi tornano a spingere al 14′: cross di Cappello da destra, Cardia riceve in area sul versante opposto e colpisce di testa reclamando poi invano il penalty per un tocco di mano. Al 16′ ancora un cross di Cappello da destra, la difesa ospite respinge corto, sul pallone di fionda Falcone che aggancia bene in area ma calcia alto da posizione favorevole. Il buon momento del Camaro prosegue e al 17′ Spoto lancia in area Genovese, contrastato irregolarmente da Vindigni: l’arbitro indica il dischetto, dagli undici metri si presenta Mondello ma il portiere Di Carlo si oppone respingendo di piede la conclusione. Al 23′ ancora dubbi per una decisione arbitrale: Paludetti viene steso nei pressi del vertice sinsitro dell’area di rigore ma il direttore di gara assegna soltanto il calcio di punizione. Sulla sfera va Cardia che calcia forte cercando il secondo palo ma la sfera termina di poco a lato senza che nessuno riesca ad intervenire. Al 26′ Cardia da sinistra sventaglia dalla parte opposta trovando Genovese, diagonale al volo di destro e palla di poco a lato. L’occasione successiva, ancora di marca neroverde, arriva al 36′, quando Mondello cerca la porta direttamente da calcio d’angolo e trova il provvidenziale intervento di Bello sulla linea. Prima del riposo c’è ancora tempo per vedere un altro intervento del portiere Di Carlo, che manda la sfera oltre la traversa sul tiro improvviso da fuori di Cardia. Si va al riposo con il Marina di Ragusa avanti.

Ripresa inizialmente avara di emozioni, con gli ospiti bravi a tener palla ma senza creare però dei veri pericoli per la porta di Sanneh, che interviene senza affanni al 10′ sulla conclusione dalla distanza di Daniele Arena. Anche il Camaro in questa fase non riesce a pungere e si fa vivo in area avversaria per la prima volta al 17′: punizione da sinistra di Mondello, la palla attraversa l’area, Cappello di testa fa da sponda ma Sangare allontana la minaccia mandando in angolo. E’ un’ottima chance, invece, quella che capita a Spoto al 21′: sul cross da sinistra di Mondello, il centrocampista classe 2000 si inserisce bene in area e riceve dalla parte opposta ma colpisce male e manda la sfera a sbattere sull’esterno della rete. Al 23′ doppio cambio neroverde: D’Amico e Ginagò rimpiazzano Spoto e Mondello. Il Camaro intanto intensifica il proprio sforzo offensivo e ci riprova al 25′ con il destro a giro da fuori di Paludetti, tiro alto. Al 27′, invece, è determinante l’intervento sulla linea di Munafò, che sul tiro di D’Agosta salva la propria porta a Sanneh battuto. Scampato il pericolo, i padroni di casa tornano in avanti al 29′: Cardia calcia da posizione defilata, Di Carlo blocca la sfera. Il duello si ripete al 34′ e stavolta il portiere ospite si oppone di piede deviando in corner la conclusione da fuori di Cardia. Il Camaro non molla e al 40′ si riaffaccia in avanti: Ginagò va al cross da sinistra, Paludetti fa da sponda di testa, Genovese sfiora e poi è Cardia a venire anticipato in piena area al momento del tiro da Vindigni. Al 41′ arriva il meritato 1-1: punizione di Genovese da sinistra, palla in area sul secondo palo, interviene Arena che di prima intenzione scarica di potenza alle spalle di Di Carlo. Al 42′ dentro anche Pantano per Cardia. Al 44′ Paludetti fa tutto da solo, aggancia sulla tre quarti, entra in area dopo una bella progressione e calcia in diagonale trovando però l’opposizione di Immesi. Nel recupero, però, è il Marina di Ragusa a creare le occasioni migliori e, dopo il tentativo di D’Agosta al 47′ (palla a lato), sono gli istanti finali a mettere paura ai neroverdi: al 49′ prima Nicola Arena non arriva in spaccata sul cross di Carnemolla e, pochi secondi dopo, Alessandro Arena trova il fondo e mette in mezzo, Munafò rinvia di prima trovando però il corpo di Nicola Arena su cui il pallone carambola prima di spegnersi di pochissimo a lato. E’ l’ultima emozione del match, che si chiude sull’1-1. Prova d’orgoglio del Camaro, che si lascia alle spalle le due sconfitte consecutive e muova la classifica portandosi a quota 29 punti. Domenica prossima impegnativo match esterno sul campo del quotato Palazzolo.

Camaro – Marina di Ragusa 1-1
Marcatori: 9′ pt Reinero (M), 41′ st G. Arena (C).
Camaro: Sanneh, Cappello, Mondello (23′ st Ginagò), Arena, Morabito, Munafò, Paludetti, Cardia (43′ st Pantano), Spoto (23′ st D’Amico), Genovese, Falcone. In panchina: Forestieri, Muscarà, Freni, Raffa, De Luca, Giu. De Marco. Allenatore: Michele Lucà.
Marina di Ragusa: Di Carlo, Carnemolla, Immesi, Bello, Vindigni, Saccà, Iannizotto (23′ st D’Agosta), Sangare, Reinero (35′ st N. Arena), D. Arena (46′ st Capozucchi), A. Arena. In panchina: Barbera, Belluardo, Pellegrino, Iozzia, Bettabghor, Maiorana. Allenatore: Salvatore Utro.
Arbitro: Mario Picardi della sezione di Viareggio.
Assistenti: Alessio Angelo Boscarino della sezione di Siracusa e Filippo Luca Scannella della sezione di Caltanissetta.
Ammoniti: 23′ pt Saccà (M), 25′ pt Cappello (C), 8′ st Reinero (M), 18′ st Sangare (M), 20′ st Morabito (C), 36′ st Vindigni (M), 36′ st Munafò (M), 37′ st Di Carlo (M), 48′ st A. Arena (M).
Espulsi: 42′ st Iannizotto (M) dalla panchina.
Recupero: 0′ pt, 5′ st.

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti