Eccellenza – Un pareggio senza squilli quello della Tiger Brolo sul campo della pericolante Viagrande

La formazione della Tiger che domenica scorsa ha battuto il Mazzarrà

E’ mancato il guizzo, l’acuto, quel qualcosa che ha fatto la differenza fino ad ora. Le assenze di Zingales e Pettinato non possono essere un alibi per una partita giocata così così e soprattutto un nervosismo che è costato tre gialli evitabilissimi a PerriconeLupo e Di Napoli.

Un punto fuori casa a sei turni dalla fine del campionato e con otto punti di vantaggio sulle seconde ha un suo valore, specialmente se andiamo a guardare il prossimo turno dove la Tiger ospiterà il F.C. Acireale, squadra “poco tranquilla” per le note vicende e lo scontro tra le seconde ovvero Modica – Sporting Club Siracusa.

Elamaroui contrastato da un avversario

Elamaroui (Tiger) contrastato da un avversario

La cronaca è scarna con i tigrotti che cercano da subito di passare con improvvise accelerazioni di D’Agosta ed Elamraoui ma al momento del tiro o dell’ultimo passaggio l’errore tecnico era in agguato.

C’è voluta una punizione calciata da Calabrese per creare il primo, vero pericolo alla porta difesa da Di Benedetto (17′), quest’ultimo è bravo ad intuirne la traiettoria e con un tuffo felino smanaccia in angolo. Anche Fagone ci mette la sua esperienza e bravura su una conclusione di Tenerelli dal limite al 25′ rifugiandosi in angolo.

La ripresa è combattutissima con i padroni di casa più intraprendenti e “cattivi” negli interventi al limite e forse oltre previsto dal regolamento, ma l’arbitro, in evidente giornata negativa, sbaglia tantissimo anche lui nei modi e nelle sue pacchiane decisioni come quando a pochi minuti dalla fine espelle il tecnico brolese solo perché chiedeva la ripresa del gioco dopo un interminabile sosta dovuta all’allontanamento del collega del Viagrande.

 

D'Agosta in azione

D’Agosta  (Tiger) in azione a Viagrande

Per concludere, bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto? Se si analizza con i numeri e le restanti partite grazie al vantaggio accumulato che è di otto lunghezze il bicchiere è mezzo pieno, ma la scarsa vena, le poche idee mostrate, che potremmo giustificare come un leggero calo e soprattutto l’ingiustificato nervosismo di alcuni atleti, danno l’idea del bicchiere mezzo vuoto.

Bellinvia dovrà lavorare molto in settimana per tenere alta la concentrazione dei suoi ragazzi in vista del rush finale, prossimo avversario come detto in precedenza l’ex capolista ed avversaria diretta per la vittoria finale l’F.C.Acireale ora relegata all’ottavo posto dopo la pesante penalizzazione.

Tabellino:

Sporting Viagrande – Tiger Brolo 0-0

Viagrande: Di Benedetto, Giacalone, Mauro, Platania, Mastronardi, Caliò, Buda, Basile, Tenerelli, Romano, Di Venuto. (46’ s.t. Di Bella). Allenatore: Buttò.

Tiger Brolo: Fagone, Perricone, Falanca, Casello, Di Napoli, Messinaeo, Lupo, Speciale (31’ s.t. Salerno), Calabrese, D’Agosta, (29’ s.t. Zingales), Elamraoui. Allenatore: Bellinvia.

Arbitro: Di Paola di Chieti.

Note: Espulsi i due tecnici Buttò e Bellinvia per proteste e Fascetto dalla panchina del Viagrande, anche lui per proteste. Ammoniti: Platania, Mauro, Perricone, Lupo, Tenerelli e Di Napoli. Angoli 3-3.

Commenta su Facebook

commenti