Due Torri, quale futuro? Venuto è il primo nodo da sciogliere

Francesco Pitarresi saluta la tribuna in visibilio

Per il Due Torri è l’ora delle decisioni. Dopo due stagioni da incorniciare, in casa biancorossa è arrivato il momento di tracciare una linea e capire cosa fare nell’immediato futuro. La squadra, costruita con giovani interessanti, si è dimostrata capace di sovvertire ogni pronostico, sapientemente guidata da mister Antonio Venuto.

Mister Antonio Venuto potrebbe guidare il Reggio Calabria nella prossima stagione

Mister Antonio Venuto 

Dietro le quinte, però, c’è stata una società che ha mandato avanti la macchina a mille all’ora, facendo enormi sacrifici pur di mantenere la Serie D in una piccola realtà come Gliaca di Piraino, raggiungendo risultati di spicco, vedi il piazzamento a ridosso della zona playoff nell’ultimo campionato. Ma i sacrifici non possono durare in eterno, così è arrivato il momento di guardarsi negli occhi e capire che futuro garantire alla società. La linea sarà tracciata mercoledì sera, quando la dirigenza si riunirà per stabilire le mosse future e, si spera, certificare l’ingresso di nuovi soci capaci di investire denaro fresco all’interno delle casse societarie.

Cassaro del Due Torri a rete e festeggiato dai suoi compagni

Cassaro del Due Torri festeggiato dai compagni

Il quadro della situazione non è poi così complicato, perché c’è solo da capire se ci sono le possibilità di mantenere il “giocattolo” Due Torri a questi livelli e magari alzare un pochino l’asticella, oppure chiudere gli ultimi 24 mesi nel cassetto dei bei ricordi e ripartire da zero dopo aver raggiunto il massimo obiettivo. Il primo nodo da sciogliere è senza dubbio quello legato ad Antonio Venuto, principale artefice di questo miracolo sportivo.

L’idea sarebbe quella di continuare il rapporto che ha portato ai risultati che tutti conosciamo, ma occorrerà vedere quali saranno le prospettive che saranno sottoposte al tecnico messinese. Le alternative allo stesso Venuto non mancano. Finito nel mirino del Reggio Calabria, è in corsa anche per la panchina del Messina. Il cielo denso di nubi e d’incertezze sopra il Due Torri durerà ancora per poco, almeno fino a quando non sarà tracciata quella linea da cui si dovrà ripartire.

Commenta su Facebook

commenti