Doppio Madonia, il Messina stende il Catania e vola agli ottavi di Coppa

Madonia esulta con Pozzebon

Derby ai giallorossi che al “Franco Scoglio” si impongono per 2-0 grazie alle due marcature dell’attaccante, una per tempo. Per Lucarelli è la terza vittoria in quattro gare sotto la sua gestione che vale il passaggio al turno successivo della competizione. 

Il pre-partita. Il derby Messina-Catania va in scena al “Franco Scoglio” per i sedicesimi di finale della Coppa Italia di Lega Pro. Gara unica, in caso di parità supplementari ed eventualmente calci di rigore. Chi passa sfiderà al turno successivo la vincente di Taranto-Cosenza. Moderato turn-over su entrambi i fronti. Lucarelli sceglie il seguente undici: Berardi in porta, Mileto, Maccarrone, Bruno e De Vito in difesa, Capua, Musacci e Mancini a centrocampo, Milinkovic, Pozzebon e Madonia in avanti. Rigoli si affida in attacco a Calil e Russotto. C’è l’ex Fornito. In panchina Barisic, tribuna per Saro Bucolo che ha abbracciato il suo ex tecnico Gaetano Catalano, presente sugli spalti. Messina in maglia biancoscudata, Catania con la tradizionale divisa rossoazzurra. Prima del via grande spettacolo in campo con i ragazzi delle scuole calcio. Duemila circa le presenze allo stadio.

Ingresso delle squadre

Ingresso delle squadre (foto Denaro)

La cronaca. Gara viva sin dai minuti iniziali. Al 9’ bella iniziativa di Madonia sulla sinistra, cross per Milinkovic che colpisce al volo, ma il pallone va di poco sopra la traversa. Messina ancora pericoloso su calcio di punizione: Musacci pesca De Vito, sul cui traversone sia Pozzebon che Milinkovic non arrivano di un soffio per la deviazione vincente. Al 19’ il primo tentativo del Catania con la conclusione da fuori di Scoppa, bloccata da Berardi. Al 26’ Silva ci prova dall’interno dell’area cercando il primo palo, pallone a lato. Il Messina colpisce al 27′ in ripartenza, approfittando di una grossa disattenzione difensiva degli ospiti. Lancio lungo per Madonia che supera un avversario e si presenta tutto solo davanti a Pisseri, battendolo con assoluta freddezza. E’ l’1-0. Seconda rete in altrettante gare di Coppa Italia per l’attaccante ex Akragas. Buone le trame di gioco proposte dalla squadra di Lucarelli che adesso ha in mano il match. Al 43’ Milinkovic pennella per Pozzebon, colpo di testa che non inquadra lo specchio. Sul tiro-cross di Russotto è poi attento Berardi che salva in tuffo evitando la beffa sul primo palo. Si va al riposo con il Messina in vantaggio.

Ci prova Musacci (foto Denaro)

Ci prova Musacci (foto Denaro)

Nella ripresa si attende il 9’ per la prima chance per il Catania: Calil e Russotto non hanno il guizzo, poi Silva spara alto. Rigoli decide di cambiare, inserendo Anastasi per Piscitella. Al 15’ Fornito su punizione, Berardi vola e devia in angolo. Akrapovic sostituisce Mancini, mentre Rigoli gioca anche la carta Barisic. Al 25’ invitante il cross da destra di Milinkovic per il solito Pozzebon che incoccia male di testa il pallone e non sfrutta l’occasione. Brivido due minuti più tardi, quando Berardi si esalta sul tiro dal vertice destro di Anastasi. Rea rileva Pozzebon, per un Messina più coperto nel finale. Al 34′ Nava pasticcia in area sul tocco di Milinkovic, ne approfitta ancora Madonia che si porta la palla sul destro e fredda Pisseri. E’ lui l’assoluto protagonista del derby. Il Messina raddoppia e chiude la sfida. Il Catania non c’è più e rischia di subire il terzo gol: Milinkovic sciupa con un tocco troppo lungo verso Capua, a tu per tu con Pisseri. Musacci spreca poi da due passi sugli sviluppi di un corner. Finisce 2-0. Il derby è del Messina che riscatta così la sconfitta subita in campionato contro gli etnei. Terza vittoria in quattro gare sotto la gestione Lucarelli, la svolta è ormai netta. Domenica c’è il Matera, ancora al “Franco Scoglio”, mentre in Coppa i giallorossi proseguiranno la loro corsa contro il Taranto.

Madonia firma l'1-0 (foto Denaro)

Madonia firma l’1-0 (foto Denaro)

Il tabellino. Messina-Catania 2-0
Messina (4-3-3): Berardi; Mileto, Maccarrone, Bruno, De Vito (37′ st Grifoni); Capua, Musacci, Mancini (21’ st Akrapovic); Milinkovic, Pozzebon (32′ st Rea), Madonia. A disp. Russo, Marseglia, Ricozzi, Rafati, Foresta, Gaetano, Ferri, Fusca, Saitta. All. Cristiano Lucarelli
Catania (4-3-3): Pisseri; De Rossi, De Santis, Nava, Djordjevic; Silva (21’ st Barisic), Scoppa, Fornito (40′ st Piermarteri); Russotto, Calil, Piscitella (9’ st Anastasi). A disp. Martinez, Paolucci, Mbodj, Di Grazia, Sessa, Biagianti, Parisi, Graziano, Manneh. All. Pino Rigoli
Arbitro: Manuel Volpi di Arezzo. Assistenti: Ruben Liberato Angotti di Lamezia Terme e Danilo Ruggeri di Palermo.
Marcatori: 27’ pt e 34′ st Madonia (M)
Ammoniti: 34’ pt Maccarrone (M), 34’ pt Scoppa (C), 20’ st De Santis (C)
Note: recupero primo tempo 2’, secondo tempo 3′. Angoli 5-7 per il Catania

Commenta su Facebook

commenti