Di Napoli: “La mia una squadra di giovani con qualche elemento più esperto”

Arturo Di NapoliPer la Procura Arturo Di Napoli va condannato per L'Aquila-Savona

Il “patto di riservatezza” imposto da Lo Monaco riduce al minimo indispensabile le dichiarazioni da parte dei protagonisti di un pomeriggio fiume, che dovrebbe riscrivere per l’ennesima volta nell’arco di pochi anni il destino di un club che ha cambiato proprietà con impressionante frequenza dopo l’addio della famiglia Franza.

Arturo Di Napoli

Di Napoli celebra con la t-shirt “Scusate il ritardo” un gol al Catania. Uno slogan che oggi torna di moda dal momento che ad inizio agosto non è stata ancora allestita una rosa…

Improntate alla massima cautela le poche parole strappate ad Antonio Fazio, avvocato calabrese che ha seguito da vicino Arturo Di Napoli, e Giovanni Giacoppo, amministrativista scelto invece dal neo-presidente Natale Stracuzzi: “La trattativa è in avanzato stato di definizione. Dal punto di vista formale si potrebbe ancora perdere qualche giorno prima di mettere nero su bianco” ripetono quasi in coro. In attesa delle firme da apporre in uno studio notarile, squillano quindi invano i cellulari del commercialista Isidoro Torrisi e del direttore sportivo Fabrizio Ferrigno, che nel corso del faccia a faccia avrebbe comunque manifestato la sua disponibilità a proseguire l’avventura in riva allo Stretto, che invece per la proprietà dovrebbe chiudersi ormai tra poche ore.

Sul fronte tecnico, quello che più cattura l’attenzione dei tifosi dopo due mesi trascorsi più sulla soglia della Camera di Commercio che a bordo campo, trapela soltanto una conferma. Arturo Di Napoli sarà il nostro allenatore” assicura infatti Stracuzzi. Il diretto interessato invece si schernisce, anche perché nelle ultime ore la Paganese lo aveva cercato con grande insistenza, preferendolo all’ex Gianluca Grassadonia e ad Andrea Sottil: “Il mio primo pensiero adesso è proprio per il club campano, che sto contattando in questi minuti perché non vorrei che apprendesse prima dalla stampa che dal sottoscritto l’accordo con il Messina e quindi la rinuncia alla loro proposta…”.

Due Torri

L’ex direttore generale del Due Torri Ciccio Alessandro nello staff di Arturo Di Napoli?

Completato questo doveroso passaggio formale, “Re Artù” concede qualche battuta sul futuro campionato: “Non mi spaventa affatto il ritardo che abbiamo accumulato, anche se è davvero consistente e si perderà ancora qualche giorno prima della definitiva ratifica. Dovremo allestire una squadra giovane, con l’innesto di qualche elemento più esperto. Vogliamo infatti rispettare i regolamenti sull’età media per abbattere i costi. Poi magari tra uno o due anni la proprietà potrà fare discorsi differenti, magari ancora più ambiziosi”.

Filtra soltanto un’indiscrezione sulla composizione del prossimo staff tecnico che lo affiancherà. Il ruolo di team manager potrebbe essere affidato infatti a Ciccio Alessandro, nell’ultima stagione al Due Torri ed in passato già all’Igea Virtus. Vicino al socio Nino Micali, oltre che agli stessi Stracuzzi e Di Napoli, l’ex dirigente del club di Gliaca di Piraino sarebbe un altro degli ispiratori di una cordata che è davvero ad un passo dal completare una scalata inattesa. Gli ostacoli all’orizzonte sono consistenti ma il riaccendersi della passione di una tifoseria abituata alle cadute ed agli improvvisi scatti d’orgoglio potrebbe ridare comunque lo slancio necessario per superarli. Il rinnovato Messina ha voglia di ricominciare a correre.

Commenta su Facebook

commenti