Città di Messina, Silvestri pronto per la finale playoff: “Partita che si prepara da sola”

Esultanza Città di Messina

E’ la settimana più lunga per il Città di Messina, che dopo il successo sulla Jonica è pronto a sfidare il Città di Ragusa per la finale dei playoff. Sul neutro di Biancavilla i peloritani si giocano tutto, in palio c’è un’intera stagione, un’annata in cui Cardia e compagni dovevano recitare un ruolo da assoluti protagonisti in campionato, prima di imbattersi nel Camaro.

Sergio Silvestri

Poco male, la squadra di Santino Bellinvia ha mostrato i muscoli durante le partite che contano e adesso si deve compiere l’ultimo sforzo. Una delle note liete è senza dubbio Sergio Silvestri, giovanissimo centrocampista classe ’99, capace di racimolare già una decina di presenze e un gol in questa sua prima annata tra i “grandi”.

Sbarazzino quanto basta e con la spregiudicatezza che si può avere a 18 anni, Silvestri si ritrova ad affrontare una settimana particolare sotto il profilo nervoso, perché domenica in palio c’è la promozione in Eccellenza: “Partite così si preparano da sole – ha commentato – veniamo da una grande impresa contro un’ottima squadra come la Jonica. Sarà una partita tirata, gli episodi saranno determinanti, noi dovremo cercare di sbagliare il meno possibile e venderemo cara la pelle”.

Il Città di Messina arriva a questa finale forte del grande risultato ottenuto contro la Jonica: “Abbiamo vinto 2-1 contro una squadra che ha subito una decina di gol in tutta la stagione, hanno una grande difesa e non era facile fargli male. E’ stata una vittoria del carattere e della personalità, adesso non dobbiamo fare calcoli ma prepararci al meglio per questa sfida fondamentale. Chi è favorito? Loro sono una grande squadra, il mister lo sa, sarà una gara equilibrata come tutte le finali”.

Festa Città di Messina: è spareggio per l’Eccellenza

I numeri di Silvestri in prima squadra dimostrano la grande attenzione e la fiducia che la società guidata da Maurizio Lo Re ha verso i prodotti del vivaio: “Sono contento della fiducia che mi ha dato il mister, siamo un bel gruppo e lo dimostriamo in campo. Naturalmente c’è stata anche un po’ di delusione perché credevamo di poter vincere il campionato, ma adesso siamo qui e non ci tiriamo indietro. Questa è una società che crede molto ai giovani, cura tanto il settore giovanile ed io ne sono la prova”.

Tra i grandi della squadra, Silvestri ha già trovato il maestro: Cardia mi sta insegnando molto. Mi dà spesso consigli su come stare in campo, sulla posizione, ma anche in allenamento e questo mi fa molto piacere perché è un grande giocatore. Ho la fortuna di dividere lo spogliatoio con elementi come Bombara e Quintoni e questo non può che favorire la mia crescita”.

Commenta su Facebook

commenti