Catalano: “Un passo falso poteva starci. Ora occorre cambiare atteggiamento”

IMG_6512Dopo il tonfo di Castel Rigone il Messina punta immediatamente a rialzarsi. Al “San Filippo”, dove domenica sarà ospite l’Aprilia, i giallorossi non vogliono fallire il ritorno al successo, per cancellare le scorie lasciate dal ko maturato in terra umbra e rilanciarsi in classifica. “Abbiamo una grande voglia di rivalsa e non vedevamo l’ora di poter ritornare in campo perchè sappiamo di non aver offerto in Umbria una prestazione all’altezza, ma provenivamo da una lunghissima striscia risultati positivi, raggiunti non per caso, grazie ad un’identità. Per questo un passo falso può capitare, anche per la legge dei grandi numeri” ha detto il tecnico Gaetano Catalano in conferenza stampa. “A Castel Rigone abbiamo sbagliato l’approccio al match, ci è mancata la giusta cattiveria. Forse qualcuno riteneva che tutto potesse andare come nello scorso torneo di Serie D, quando confidavamo da un momento all’altro di sbloccare la partita grazie ad una giocata di qualità, invece in Seconda Divisione si incontrano squadre ben attrezzate e non esistono sfide semplici. Lo dimostrano anche le difficoltà incontrate da Casertana, Ischia e Foggia”.

Le analogie con la passata stagione sono però legate ad un avvio tra alti e bassi. “Anche un anno fa eravamo partiti con qualche difficoltà, perdendo alla quarta giornata a Ribera, proprio come adesso. Anche le sconfitte servono, però, a crescere e maturare. Contro l’Aprilia occorrerà giocare con un atteggiamento completamente diverso, non commettendo certi errori. Domani cercheremo di conquistare tre punti che possono risultare fondamentali, anche perché ci attende una settimana piuttosto impegnativa, tenuto conto della doppia trasferta di Salerno (mercoledì in Coppa) e Aversa (domenica prossima in campionato)”.GM4_0044

Sicuri assenti Guadalupi, Maiorano e Cucinotta, per Catalano altri grattacapi dovuti alle non perfette condizioni fisiche di Chiaria e Bucolo che non hanno partecipato alla partitella in famiglia di giovedì. “Valuterò domenica prima della gara le condizioni di Roberto che non sta benissimo. Purtroppo in questo avvio di stagione abbiamo dovuto fare i conti con 6-7 infortuni di un certo peso, una conseguenza del fatto di non aver una struttura fissa dove potersi allenare. Ho comunque una rosa ampia e in avanti potrò scegliere tra Lasagna, Gherardi e Buongiorno, ma indipendentemente da chi dovesse scendere in campo sarà più importante avere la giusta mentalità per vincere la partita. Affronteremo l’Aprilia che ritengo un’ottima squadra, ben organizzata e con individualità di livello nel reparto avanzato. Inoltre proviene da una vittoria e avrà sicuramente tanto entusiasmo”. L’impressione è che sia Lasagna il favorito per affiancare in attacco capitan Corona.

I sorrisi per Catalano derivano dall’ottenimento del patentino di Seconda Categoria, dopo il corso estivo di Coverciano. “A livello personale è stata una grande soddisfazione. Si tratta di un passaggio chiave per la mia crescita ed è stata sicuramente un’esperienza utile in ottica futura. Confrontarsi con tanti personaggi che hanno calcato palcoscenici importanti è stato bellissimo”.

 

Commenta su Facebook

commenti