Campli ha impattato la serie. Barcellona è chiamata al successo in trasferta

La Globo Campli (foto Caracciolo)

È l’ora di gara tre per la Globo Infoservice Campli, che dopo aver pareggiato i conti in gara due al PalaAlberti, torna a giocarsi il proprio destino, nella propria arena e di fronte al proprio pubblico che tra Venerdì sera e Domenica pomeriggio, gremirà gli spalti del PalaBorgognoni, per cercare di sospingere la propria squadra, verso un traguardo che alla vigilia di questa stagione, nessuno mai avrebbe pronosticato. I ragazzi di coach Millina, hanno dimostrato freddezza e concentrazione nella gara vinta martedì scorso a Barcellona e con la stessa condizione mentale, dovranno affrontare queste due gare interne, per cercare di far propria questa serie.

Gli isolani di coach Nisic, arrivano dunque a Campli con un obiettivo preciso, giocarsi questo doppio confronto a viso aperto, per portare i farnesi a gara cinque, che li vedrà di nuovo, scendere in Sicilia; ma affinchè questa ipotesi non si concretizzi, coach Millina e il suo entourage tecnico, sta lavorando alacremente, in queste ore che li separa dal match. Così come è stato per la partita vinta da Gatti e compagni, una delle chiavi tattiche, sarà quella difensiva, con i biancorossi che dovranno imbrigliare nel migliore dei modi la coppia Rodriguez-Grilli, protagonisti in gara-uno con 47 punti in due, ma ben ingabbiati in gara due, dove in due, hanno realizzato solo 16 punti. Di contro nel Campli, il ritorno a canestro in maniera costante di Petrazzuoli, nonché le conferme in fase realizzativa di Bottioni e Ponziani, lasciano spazio ad un moderato ottimismo all’interno dell’ambiente farnese, che si sta preparando nel migliore dei modi a questa prima sfida di semifinale al PalaBorgognoni.

Globo Campli (foto Caracciolo)

Giorni di scarico questi per gli atleti biancorossi, i quali sono tornati dalla Sicilia stanchi fisicamente e non poteva essere diversamente, visto il lungo viaggio e le gare ravvicinate, ma il team capeggiato dal Prof. Mazzaufo, sta lavorando intensamente per ridare quello smalto atletico e mentale, fondamentale per questo tipo di sfide senza ritorno. Si inizierà dunque Venerdì 19 Maggio, con Campli che si presenterà sul parquet senza particolari problemi di formazione; di contro il Barcellona, così come per le due gare giocate in casa, dovrà fare ancora a meno dell’ala/pivot Sereni, ancora alle prese con un infortunio occorsogli durante gara-due nel quarto di finale con il P.S.Elpidio.

Queste le parole della vigilia di coach Millina: “Dopo la partita abbiamo preso una pizza da portare via e ci siamo messi sul pullman, poi traghetto da Messina e adesso finalmente tra un paio d’ore siamo a casa”.
Partiamo dal fatto che per noi arrivare in semifinale è già una soddisfazione. Oltre questo, sì, siamo soddisfatti“, esordisce l’allenatore biancorosso commentando le prime due partite di semifinale. Dopo aver buttato fuori i Tigers, i farnesi si sono incrociati con la seconda del girone C: “Credo si siano trovate le due cenerentole, Barcellona è il Campli del girone C, hanno meritato quello che hanno ottenuto. Sono arrivati secondi, mettendosi dietro formazioni sulla carta nettamente più forti come Palestrina, Valmontone e Cassino”.
Campli ha comunque messo in seria difficoltà i siciliani, rischiando addirittura di portare a casa entrambe le gare. Per Piero Millina il bicchiere tende ad essere mezzo pieno: “Dobbiamo riconoscere i meriti di Barcellona che ha giocato due partite importanti. Al momento però se c’è una squadra che è riuscita ad imporre il suo gioco ed il suo ritmo credo siamo noi. In Gara -1 sono stati bravissimi a starci dietro, a restare attaccati, a non mollare un centimetro. C’è comunque soddisfazione perché abbiamo fatto noi entrambe le partite, potevano essere due vittorie, intanto ce ne prendiamo una e siamo contenti”.
Unica nota negativa, a questo punto, per gli abruzzesi è l’amaro epilogo della prima sfida, quella di domenica sera: “In negativo mi ha sorpreso solo il finale di Gara -1, abbiamo giocato gli ultimi 50 secondi in maniera stupida. Per primo mi ci metto io, che non sto in panchina in vacanza. Tanti loro tifosi stavano abbandonando il palazzetto prima della sirena perché sembrava ormai andata, invece no“. La notizia positiva che i biancorossi possono riportare a casa è la conferma della mentalità e soprattutto dell’identità di questa squadra: “Non abbiamo grande esperienza di semifinali di playoff, poi venivamo a giocare in un campo difficile, bisogna dire che il pubblico si è dimostrato correttissimo. Il concetto che proviamo a seguire da agosto è quello di rispettare la fatica che facciamo, se tu rispetti l’impegno e il lavoro che fai allora rispetti anche la squadra…poi si può vincere o perdere ma la mentalità e l’approccio restano quelli giustiPer giocare due partite del genere qui servivano attributi“.

Basket Barcellona (foto Caracciolo)

Venerdì e domenica i prossimi due episodi della serie, al PalaBorgognoni. I padroni di casa hanno conquistato il fattore campo, ma già nel turno scorso Barcellona ha dimostrato di saper vincere in trasferta. Coach Millina minimizza sul vantaggio di giocare in Abruzzo: “Per Gara -3 e Gara -4 si riparte da zero. Noi dovremo essere sul pezzo. Per prima cosa dobbiamo smaltire questo viaggio, poi ci prepareremo ed arriveremo sul parquet con umiltà, sappiamo che il fattore campo non è niente. Ci prepariamo ad un’altra battaglia“.

Queste le formazioni in campo Venerdì 19 Maggio al PalaBorgognoni di Campli: Globo Infoservice Campli: Gatti-Norbedo-Bottioni-Serafini-Salafia-D’Arrigo-Petrazzuoli-Ponziani-Petrucci-Duranti. All. Millina.

Basket Barcellona: Grilli-Milojevic-Teghini-Stefanini-Paunovic-Ippedico-Brunetti-Varotta-Caldarola-Rodriguez. All. Nisic. Gara tre di semifinale, avrà inizio alle ore 21.00; designati a dirigere il confronto sono stati i Sigg.ri: Perocco di Ponzano Veneto (Tv) e Vigato di Este (Pd).

Commenta su Facebook

commenti