Bossa: “Un onore continuare a giocare nel Messina. Cossentino e Gambino? Grande umiltà”

BossaBossa porta palla contro l'Ercolanese (foto Vincenzo Nicita Mauro)

In un Messina rinnovato tra i volti noti c’è invece quello del centrocampista Fabio Bossa, tra i protagonisti dello scorso campionato di Serie D in cui ha collezionato 28 presenze e un gol. Presso la CUS Unime ASD Club House, il ventenne centrocampista giallorosso ha analizzato ai nostri microfoni i primi giorni di ritiro di questo nuovo corso: “Ringrazio il presidente, sono contento di essere rimasto qui. E’ sempre un onore giocare per la mia città e per i miei tifosi”.

Bossa

Bossa ringrazia il pubblico per il supporto

Se lo scorso anno la preparazione avvenne in tre differenti sedi, questa volta la scelta è toccata all’ampia struttura sita all’Annunziata: “Ci stiamo trovando bene in questa struttura nuova. Ci sono tante comodità come la palestra, il campo in erba sintetica, la piscina e le stanze. Il caldo è normale che ci sia in estate, ma dobbiamo fare tutti dei sacrifici per una giusta causa”.

Il gruppo lavora agli ordini del neo tecnico Peppe Raffaele. Bossa lo accoglie così: “Il mister e il suo staff sono molto preparati. Me ne avevano parlato bene e sono contento che siano adesso qui a Messina”.

Tanti i giovani attualmente in organico, cui si sono uniti però i due “big” Cossentino e Gambino: “Non guardo molto all’età, sta a noi giocatori, sia under che over, dimostrare il nostro valore, poi il mister farà le sue scelte. Anche i più giovani, al loro primo vero ritiro tra i grandi, si ambienteranno e daranno la loro mano. Cossentino e Gambino si sono presentati bene, cercano di fare gruppo, sono molto umili. I miei obiettivi personali? Fare meglio dell’anno scorso”.

Acr Messina | Intervista Fabio Bossa

ACR MessinaCon Fabio Bossa, dalla CUS Unime ASD Club House, analizziamo i primi giorni di ritiro di questo nuovo corso #giallorosso Intervista Francesco StrafaceImmagini Nino Famà

Publiée par Messina Sportiva sur Mercredi 1 août 2018

Commenta su Facebook

commenti