Ancora un successo per la Irritec Costa d’Orlando, Giarre travolta 109-52

Continua l’ottimo momento di forma per la Irritec Costa d’Orlando, che ottiene al PalaValenti la terza vittoria in fila in campionato e la sesta totale dopo sette gare giocate. A farne le spese è Giarre che viene sonoramente battuta dalla formazione del presidente Giuffrè per 109-52.
Coach Condello decide di iniziare la gara con il quintetto che ha vinto le ultime due partite, ovvero Danna, Marinello, Boffelli (nella foto), Sgrò e Fall. La Costa, come chiesto dal suo allenatore più volte in settimana, decide di mettere subito le cose in chiaro, partendo con un 10-0 di parziale che non lascia presagire a niente di buono per gli ospiti. I locali non hanno intenzione di fermarsi e chiudono il primo quarto sul 32-11, frutto delle triple di Marinello e Leonzio e delle ottime giocate sotto canestro di Fall. Secondo periodo sulla falsariga del primo, i ritmi si abbassano ma la Costa continua a trovare il fondo della retina con Antinori e Cusenza sugli scudi, si va all’intervallo lungo sul 57-28 per i biancorossi. Secondo tempo che ha ben poco da raccontare sull’andamento della gara. Nel terzo periodo la Costa trova anche il +40 con un canestro in contropiede di Boffelli per l’84-43 dopo tre quarti di gioco. Nell’ultimo periodo due cose positive da segnalare per la Irritec Costa d’Orlando: il primo canestro in serie C, ad appena 15 anni compiuti, del giovanissimo Emiliano Giuffrè, prodotto del florido vivaio della Costa d’Orlando, che finirà la partita con ben 6 punti frutto di due triple e il superamento di quota 100 punti per la prima volta in stagione. 109-52 il punteggio finale.

Irritec Costa d’Orlando – Ragusa 90-57
Parziali: 32-11; 57-28; 84-43
Costa d’Orlando: Marinello 15, Danna 10, Boffelli 15, Carpinteri, Leonzio 27, Sgró 13 Giuffrè 6, Antinori 5, Fall 12, Cusenza 6. All.: G. Condello
Giarre: Marzo, Spina 5, Quattropani 2, Caminiti 3, Ciaurella 6, Casiraghi 17, Spadaro 2, Leonardi 2, Russo 1, Maccarrone 6, Cantarella, Arcidiacono 8. All.: Borzì

Costa

Commenta su Facebook

commenti