La Wp Messina si aggiudica un altro derby e si conferma in terza posizione. Poker della Bosurgi

Arianna Garibotti è una delle quattro messinesi che è stata grande protagonista anche in Nazionale

La Waterpolo Despar Messina bissa il successo di Coppa Italia e supera, anche in campionato, l’Orizzonte Catania, questa volta per 11-10, risultato ben diverso rispetto all’inizio di stagione. Peloritane in controllo per 3/4 di gara, prima dello sciagurato quarto parziale in cui hanno rischiato il clamoroso aggancio da parte delle etnee che hanno disputato una gara grintosa e non hanno mollato mai. Una grande parata di Sparano sul tiro di Palmieri ha evitato che la partita finisse, addirittura, in parità. Di buono, oggi, per le padrone di casa, ci sono i tre punti e la grande prestazione del capitano Silvia Bosurgi, tornata ad altissimi livelli.

Silvia Bosurgi la migliore in campo per le messinesi

Silvia Bosurgi la migliore in campo per le messinesi

Allo staff tecnico, invece, il compito di individuare i motivi del calo finale. In classifica la Waterpolo Despar Messina stacca le corregionali e rimane al terzo posto, in condominio con il Bogliasco, a tre lunghezze dal duo di testa. Venerdì pomeriggio peloritane di nuovo in vasca a Firenze contro il  Prato nell’anticipo della quinta giornata che sarà trasmesso da Raisport.

LA CRONACA– Primo tempo pirotecnico e difese piuttosto allegre. Gol da una parte e dall’altra fino al break messinese di tre reti con la doppietta di Bosurgi inframmezzata dal centro di Aiello, in gol nella classica posizione da centroboa. Sul 5-2 segnano Grillo, poi ancora Aiello, e chiude Battaglia. La Waterpolo Despar Messina controlla senza affondare i colpi nel secondo e terzo tempo chiusi, entrambi, con un gol di scarto. Si arriva, così, all’intervallo lungo sul punteggio di 8-5 e sul 10-5 quasi alla conclusione del terzo.

Apilongo (Messina) ha segnato una doppietta

Apilongo (Messina) ha segnato una doppietta

Poi l’improvviso black-out delle padrone di casa con le etnee, che con tenacia, si avvicinano pericolosamente. La squadra di Martina Miceli piazza un parziale di 0-4 e rimette in discussione il verdetto a quattro minuti dalla fine. L’ex Garibotti segna in superiorità ma non è finita perché Greenwood regala nuove emozioni. L’ultimo minuto di gioco, sul punteggio di 11-10, è intenso. La Waterpolo Despar Messina sfiora la rete della sicurezza ma il pallone non varca la linea e Harache recupera affannosamente. Dall’altra parte l’Orizzonte Catania tenta l’ultimo assalto ma la difesa giallorossa è arcigna e determinata. Poi Sparano completa l’opera parando la conclusione di Palmieri. Le peloritane, seppur soffrendo, possono, quindi, passare alla cassa anche se la prestazione offerta non è stata totalmente positiva.

I COMMENTI– Il tecnico Luca Tarquini non nasconde l’amarezza per la prestazione: “Rispetto a Firenze abbiamo fatto un passo indietro. Dovevamo gestire meglio la partita, abbiamo, invece, subito il ritorno delle avversarie anche per una cattiva interpretazione del match. Ci teniamo la vittoria, ma dobbiamo lavorare, e molto“.

Di Mario mentre trasforma un rigore

Di Mario mentre trasforma un rigore

TABELLINO- Wp Despar Messina- Orizzonte Ct 11-10  (6-4; 2-1; 2-1; 1-4)

Despar Messina: Sparano, Apilongo 2, Gitto, Starace, Morvillo, Radicchi, Garibotti 2, Sevenich 1, Marchetti, Aiello R. 2, Avola, Bosurgi 4. All. Tarquini.

Orizzonte Ct: Harache, Greenwood 1, Distefano, Buccheri, Di Mario 3 (1 rig.), Grillo 2, Palmieri V. 1, Marletta 2, Battaglia 1, Amedeo, Musumeci, Lombardo, Zuccarello. All. Miceli.

Arbitri: Castagnola e Petronilli.

Superiorità numeriche: Messina 3/7 e Catania 2/6 + 1 rigore.

Questi gli altri risultati della quarta giornata: Cosenza- Imperia 3-11,  Padova- Rapallo 11-3, Bogliasco- Prato 9-3 e Sis Roma-Firenze 8-6.

La Classifica: Imperia, Padova 12, Wp Despar Messina e Bogliasco 9, Orizzonte Ct 6 , Prato e Rapallo 4, Sis Roma 3, Cosenza e Firenze 0.

Un time out della Waterpolo Messina

Un time out della Waterpolo Messina

Foto realizzate da Vincenzo Nicita

Commenta su Facebook

commenti