Una vittoria per parte nei precedenti tra Messina e Fidelis Andria

Giorgione manovra in mezzo

Appena due i precedenti in gare di campionato tra Messina e Fidelis Andria. Nel torneo di C1 2000-2001, iniziato in salita per la formazione allenata da Beruatto, i giallorossi affrontarono i pugliesi al “Celeste” alla sesta giornata, sette giorni dopo la batosta subita nel derby con il Catania. La secca sconfitta per 4-0 rimediata al “Massimino” aveva inevitabilmente lasciato il segno. Messina travolto dagli etnei e contestato dai propri sostenitori che, in occasione della gara con i pugliesi, voltarono le spalle al campo in segno di protesta contro la squadra.

Enrico Buonocore

Un primo piano di Enrico Buonocore

Sul terreno di gioco il Messina si riscattò con un perentorio 4-0. Primo gol di Buonocore al 22’, grazie ad un tiro-cross che beffò il portiere ospite Lucenti. L’esultanza di Enrico, a mimare il “fondoschiena”, confessando il pizzico di fortuna avuto nella circostanza, è tra le più divertenti di sempre. Al 71’ il raddoppio del neo acquisto Godeas, con un colpo di testa, quella che sarebbe presto diventata la specialità dell’ariete di scuola Udinese. Con i pugliesi in inferiorità numerica per il rosso a Santoruvo, arrivarono anche il tris di Torino all’87’ e il poker firmato da Francesco Marra al 92’, con una bella conclusione a giro di sinistro, anch’egli al primo centro in maglia giallorossa. Qualche settimana dopo, però, si chiuse l’avventura in panchina di Beruatto, rilevato da Florimbi che condusse la squadra nella cavalcata verso la promozione in Serie B.

La proprietà non ha digerito l'inatteso ko con l'Andria

Gustavo in occasione dell’ultimo Messina-Andria

Dall’8 ottobre 2000 al 28 febbraio 2016. Nella scorsa stagione di Lega Pro fu la Fidelis Andria ad imporsi per 0-1 al “Franco Scoglio”. Decisiva la rete segnata in apertura di match da Piccinni, al 3′. Timida la reazione dei giallorossi, superati al termine di una gara dalle poche emozioni. Fino ad allora i pugliesi erano stati sempre battuti, tra casa e fuori. Il bilancio dei confronti in riva allo Stretto è dunque di una vittoria per parte.

Commenta su Facebook

commenti