Vi presentiamo il Monopoli: dopo 23 anni di attesa è ritornato in C

Il Monopoli ha vinto l'ultima Coppa Italia di Serie DIl Monopoli ha vinto l'ultima Coppa Italia di Serie D

Correva il 31 maggio del 1992, in una Sicilia appena straziata dalla strage di Capaci, quando il Monopoli abbandonava la serie C1 con una sconfitta a Siracusa. La ritrova con un nome diverso, Lega Pro, ma con lo stesso fascino di concorrere per la terza serie nazionale.

La conferenza stampa di presentazione degli ultimi acquisti: squadra costruita in gran fretta, proprio come il Messina

La conferenza stampa di presentazione degli ultimi acquisti: squadra costruita in gran fretta, proprio come il Messina

I biancoverdi ci arrivano grazie alla rinuncia del Castiglione, vincente del girone B di serie D. Il secondo posto in graduatoria di riammissione, stante il forfait del Sestri Levante, vincente della finale proprio contro il Monopoli, ha permesso alla compagine adriatica di riaffacciarsi nel calcio che conta. C’è stato da attendere fino al 31 agosto, ma la società del presidente Enzo Mastronardi non ci arriva per nulla impreparata. Negli ultimi giorni di mercato sono stati sistemati gli ultimi tasselli, anche se di un certo peso, al fine di rendere più competitiva la rosa.

Nonostante la vittoria della Coppa Italia ed il raggiungimento della finale play off, non è stato confermato il tecnico Francesco Passiatore. Al suo posto un altro esordiente, anch’egli con un passato da giocatore in biancoverde. Si tratta di Massimiliano Tangorra, 44 anni, di Bari, alla prima esperienza in assoluto come allenatore professionista. Ex difensore elegante, predilige un 3-5-2 con esterni bravi soprattutto a spingere ed un centrocampo dai piedi buoni.

Il nuovo portiere del Monopoli Matteo Pisseri, ex Catanzaro e Juve Stabia

Il nuovo portiere del Monopoli Matteo Pisseri, ex Catanzaro e Juve Stabia

La rosa è composta da un buon mix di giocatori esperti accompagnati da giovani di prospettiva. In porta è stato acquistato Matteo Pisseri, 24 anni, scuola Parma e con alle spalle quattro campionati di Lega Pro con le maglie di Renate, Catanzaro, Gubbio e Juve Stabia. Partono invece come alternative gli estremi difensori Rocco Pellegrino (un ritorno per “San Rocco” da Ortanova), Nicolò Tognoni (probabile una cessione) e la promessa canadese Sebastien Breza (classe 1998), che verrà aggregato alla “Berretti”.

In difesa, confermati i due senatori Pasquale Esposito e Ferdinando Castaldo, si sono aggregati due giovani di belle speranze ed un esperto lottatore. Mattia Bei (‘96) e Michele Ferrara (‘93), provenienti da Lanciano e Brindisi, si giocano una maglia da titolare. Il lottatore è il mancino italo-giordano Shadi Ghosheh, classe 1987, che nell’ultima stagione si è diviso tra Venezia e Catanzaro, collezionando 32 presenze in campionato.

Gambino, Esposito, Pellegrino, Pisseri e Rosafio alla presentazione del Monopoli

Gambino, Esposito, Pellegrino, Pisseri e Rosafio alla presentazione del Monopoli

Il centrocampo è tutto da scoprire: ritorna in Lega Pro dopo un’annata in serie D, il napoletano Mariano Romano (‘89), denominato “il Puma” per la grinta che mette in campo, così come Piarangelo Tarantino (‘90), che ha disputato l’ultima stagione a Piacenza. Confermatissimo Davide Difino (‘95), mezzala tutto pepe, mentre la linea verde continua con i nuovi: Marko Djuric (‘92, proprietà del Cesena), Simone Battaglia, proveniente dal Lamezia ed ex capitano della Primavera della Roma. Completa il reparto il classe ‘96 Simone Ricucci, proveniente dal Manfredonia.

Sugli esterni Tangorra potrà contare sulla spinta di Alessio Luciani (‘90), proveniente dal Gubbio e scuola Lazio con due stagioni nella Salernitana. Il sui vice a destra sarà il confermato (a meno di una cessione dell’ultim’ora) Antonio Lubrano, che si è ben distinto nel campionato di serie D. Potrebbe esplodere a sinistra “il Toro” Giovanni Pinto, esterno col vizietto del gol e dalla propulsione continua. Forza fisica e corsa le sue doti principali.

Giuseppe Gambino con la maglia del Brindisi, con cui realizzò 21 reti. 130 quelle complessive in carriera

Giuseppe Gambino con la maglia del Brindisi, con cui realizzò 21 reti. 130 quelle complessive in carriera

In avanti il pezzo pregiato è rappresentato dall’agrigentino Giuseppe Gambino, classe ‘84 e dai numerosi trascorsi in serie C e D, spesso e volentieri in doppia cifra. Occhio però ad Antonio Croce, di due anni più giovane ed anch’egli alle spalle esperienza e gol a grappoli. Determinante il suo acquisto nel mercato di dicembre, che ha cambiato il volto alla squadra. Ai due marpioni la società ha affiancato alcuni giovani di valore come Marco Rosafio, mezzapunta sgusciante classe ‘94 ed i due ‘96 Lorusso e Guglielmi, provenienti dalle categorie inferiori, come Vincenzo Bellante, palermitano del 1997, proveniente dal Campofranco, società di eccellenza siciliana.

Dopo due settimane di rinvio, domenica 20 settembre alle ore 15, ci sarà l’atteso debutto contro il Messina di Arturo Di Napoli, anch’esso “ripescato” e con un mercato frenetico negli ultimi giorni a disposizione dopo la proroga concessa ai peloritani.

Questa la probabile formazione che Tangorra schiererà con il 3-5-2: Pisseri; Bei, Esposito, Ghosheh; Luciani, Romano, Difino, Tarantino, Pinto; Gambino, Croce.

Presentazione a cura di Giovanni Mavilio – “Monopoli Live”. Come l’anno scorso, ogni settimana un collega ci farà conoscere meglio l’avversario del Messina.

Commenta su Facebook

commenti