Venezia riparte dalla Sicilia. Recalcati: “Troveremo una Betaland molto agguerrita”

Reyer Venezia

Settimana ricca di appuntamenti per la Reyer Venezia. Prima la sconfitta di ‎Ludwigsburg in EuroCup, poi è stata l’ora della presentazione alla stampa del nuovo lungo Boris Savovic pronto all’esordio in Laguna dopo l’esperienza al Bayern Monaco ed infine la nuova trasferta di campionato in casa della Betaland Capo d’Orlando.
Così Carlo Recalcati sul match che si disputerà al PalaFantozzi: “Lo ricordiamo dall’anno scorso quanto il campo di Capo d’Orlando sia rischioso specie quando loro sono in difficoltà. Andiamo lì con le antenne belle dritte, con umiltà, determinazione e dando il giusto rispetto ai nostri avversari. Anche perché stanno pagando i tanti infortuni ma tempo e modo per risalire ce l’hanno e quindi saranno agguerriti. Da parte nostra tornare a vincere in trasferta sarebbe una cosa importante anche perché se si vuol far strada, anche ai playoff, quella è l’unica via. Nonostante sia appena arrivato Savovic ha preso un po’ di conoscenza con i nostri giochi ed è sicuramente uno che le cose le capisce in fretta. Sono convinto che ci può dare una mano anche se per ora gli ho chiesto di concentrarsi in particolare sul ruolo di 4 per sopperire all’assenza di Peric. Fino ad ora chi ha fatto le spese dell’emergenza è stato soprattutto Viggiano che si è sacrificato molto spostandosi nel ruolo di 4 e che ora, tornando più nel ruolo di sua competenza, ci auguriamo che possa rialzare la qualità del suo rendimento“.

L'atletismo di Josh Owens (Venezia)

L’atletismo di Josh Owens (Venezia)

In sala stampa presente anche il lungo Josh ‎Owens, pronto a riscattare l’ultimo ko‬ del club orogranata: “Siamo dispiaciuti per come abbiamo finito la partita a ‪‎Ludwigsburg‬, abbiamo giocato 30 minuti di buona pallacanestro ma non siamo riusciti ad essere continui per tutta la gara, è una cosa su cui dobbiamo continuare a lavorare perchè è un nostro difetto. Sappiamo che dobbiamo migliorare soprattutto nelle partite fuori casa e sappiamo anche quanto sia importante fare risultati lontano dal ‪‎Taliercio‬, è una cosa che abbiamo bene in testa. A parte il fatto che sto tirando i peggiori tiri liberi della mia vita personalmente mi sento bene, sono in ritmo e sento che flusso di gioco e confidenza con i compagni aumentano partita dopo partita, voglio dare il mio contributo per vincere. E’ migliorata anche la familiarità nelle giocate con Mike ‪Green‬, conosciamo i nostri movimenti ed ora le giocate vengono fuori più facilmente di inizio stagione”.

Commenta su Facebook

commenti