Una coraggiosa WP Despar Messina mette alle corde il Rapallo, ma cede nel finale

Johanne Begin (WP Despar Messina)

Finalmente una prova di carattere contro una grande del campionato per la Waterpolo Despar Messina che sfiora l’impresa contro il quotato Rapallo. Le peloritane lottano e impegnano le campionesse d’Italia in carica per tutta la durata del match, cedendo solo nel finale dopo aver sprecato più volte, a tre minuti dalla sirena, il gol del sorpasso. Il punteggio dice 11-8 per le liguri, verdetto bugiardo come ha, sportivamente, sottolineato anche l’allenatore ospite Luca Antonucci. In classifica non cambia nulla, la strada per la salvezza passerà dalle sfide di febbraio. C’è un tesoretto di quattro punti da difendere e, se possibile, incrementare.

Johanne Begin (WP Despar Messina)

Johanne Begin (WP Despar Messina) – Foto Vincenzo Nicita.

CRONACA – A sorpresa Giovanni Puliafito opta per Ventriglia tra i pali al posto della Sparano, la scelta si rivelerà azzeccata. La prima frazione è molto vivace con le due formazioni che cercano di superarsi a vicenda. Il Rapallo va in gol con Ioannou, pareggio di Toth su rigore, Kisteleki per le liguri, ma l’eterna Begin da fuori fa 2-2. Le giallorosse rischiano, però, di perdere Morvillo gravata da due falli. La gara è piacevole anche nel secondo parziale, le due squadre giovano a viso aperto.Il nuovo vantaggio ligure lo realizza Bianconi in superiorità, ma Battaglia da fuori fulmina la Stasi. Poi la Waterpolo Despar Messina va in vantaggio con Toth che finalizza una controfuga. L’ex Rambaldi pizzica l’angolo e manda le squadre all’intervallo lungo ancora in parità sul 4-4.

Alessandra Battaglia  (WP Messina)

Alessandra Battaglia (WP Messina) –  Foto Vincenzo Nicita

Nella terza frazione, le liguri provano a dare uno scossone al match con Frassinetti e Rambaldi. Le reti delle due nazionali unite al secondo fallo della Starace sembrano una sentenza. Ed invece Battaglia in superiorità riporta a -1 le padrone di casa che in chiusura subiscono la rete di un’altra nazionale, Elisa Queirolo. La Waterpolo Despar Messina odierna non si rassegna facilmente. A cinque minuti dalla conclusione riesce a recuperare il doppio svantaggio con Morvillo e Begin, nell’azione con l’uomo in più. Rapallo rischia in più occasioni di andare sotto e dopo tre tentativi falliti dalle peloritane, a due minuti dalla fine Bianconi spezza la parità segnando una rete pesantissima. Le liguri rintuzzano l’attacco successivo della Waterpolo Despar Messina e realizzano ancora con Kisteleki. A un minuto dalla fine Toth trasforma un rigore, portando la sfida sul 8-9. Negli ultimi 60 secondi, però, Rapallo fa valere la maggiore esperienza e va in rete per due volte con Sonia Criscuolo, in superiorità, e Kisteleki. Finisce 11-8 ma, per quello visto alla piscina Cappuccini, se fosse finita in parità nessuno si sarebbe scandalizzato.

Time out WP Messina

Time out WP Messina – foto Vincenzo Nicita

COMMENTI – A fine gara il tecnico peloritano incassa i complimenti dell’omologo ligure ma rimane con l’amaro in bocca per il finale: “Siamo andati vicini all’impresa, peccato perché oggi mi sembrava ci fossero i presupposti per il colpaccio. Rimane l’ottima prova contro un avversario che all’andata ci aveva inflitto una lezione. Paghiamo qualche difetto di gioventù ma, in casa, stiamo dimostrando di essere competitivi. Voglio vedere la stessa determinazione anche nelle sfide salvezza a cominciare dalla prossima partita con la Blu Team”.

Da sottolineare le prestazioni di Toth e Begin che hanno giocato l’intera partita. L’italo canadese sarà l’arma della Waterpolo Despar Messina in più nelle sfide più calde.

TABELLINO:

Despar Messina-Rapallo 8-11 (2-2, 2-2, 1-3, 3-4)

Wp Despar Messina: Sparano, Apilongo, Gitto, Starace, Morvillo 1, Arruzzoli, Battaglia 2, D’Agata, Toth 3 (2 rig.), Begin 2, Marchetti, Rella, Ventriglia. All. Puliafito.

Rapallo: Stasi, Gragnolati, Zerbone, Kisteleki 3, Queirolo 1, Bianconi 2, Ioannou 1, S. Criscuolo 1, C. Criscuolo, Rambaldi 2, Cotti, Frassinetti 1. All. Antonucci.

Arbitri: D’Antoni e Riccitelli. Uscite per limite di falli Starace (M) e Cotti (R) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Despar Messina 2/6 + 2 rigori, Rapallo 3/7.

Queste le altre gare della undicesima giornata: Orizzonte Ct-Prato 18-7, Imperia-Firenze 20-14, Bogliasco-Padova 5-5, Bologna-Blu Team 5-8.

Classifica: Orizzonte Ct 33, Rapallo e Imperia 27, Padova 19, Firenze 18 , Bogliasco 17,
Prato 9, Wp Despar Me 7, Blu Team e Bologna 3.

Prossimo turno: (01/02/2014) Blu Team-Wp Despar Messina, Orizzonte Ct-Bologna, Rapallo-Bogliasco, Padova-Imperia, Prato-Firenze.

Commenta su Facebook

commenti