Tutto pronto per lo Slalom Miniera Cozzo Disi: c’è il messinese Bertolami

Slalom Miniera Cozzo DisiIl controllo delle vetture a Casteltermini (foto Manuel Marino)

Sono 93 i concorrenti ad aver portato a termine le operazioni preliminari e di verifica in vista dell’edizione del debutto nel panorama automobilistico regionale dell’Autoslalom Miniera ‘Cozzo Disi’ Casteltermini, nell’Agrigentino, prova d’apertura dello Challenge Palikè 2022, della 1a Coppa Monti Sicani e del 1° Prix “Serena Casubolo”.

Slalom Miniera Cozzo DisiSlalom Miniera Cozzo Disi

93 vetture al via dello Slalom Miniera Cozzo Disi (foto Manuel Marino)

La competizione, affidata alla direzione di gara del calabrese Massimo Minasi, scatterà domenica 5 giugno, con la salita di ricognizione (necessaria ai piloti per prendere confidenza con il rinnovato e tecnico tracciato (riasfaltato alla vigilia per lunghi tratti, rispetto ai 2,990 km del suo sviluppo) e per saggiare l’assetto di riferimento sulle proprie vetture. Il semaforo verde e il confronto con il cronometro scatteranno poco dopo, per la disputa delle due manche ufficiali di gara, al culmine delle quali saranno stilate le classifiche, assoluta, di gruppo e classe.

Una folta ed entusiasta schiera di appassionati ha intanto fatto da cornice alle operazioni preliminari, incurante della canicola che ha avvolto la Sicilia e in particolare Casteltermini, nell’area adibita del Centro accrediti, nella centrale via Aldo Moro. “Sono davvero entusiasta per il coinvolgimento di così tante persone qualificate – ha commentato il sindaco Gioacchino Nicastro. Il ritorno di questa kermesse dopo 10 anni di assenza, costituisce occasione per far conoscere alla Sicilia e ad altre regioni italiane la nostra miniera di “Cozzo Disi”, per la quale esiste un progetto di riqualificazione turistica. Tanto è stato fatto per ridare dignità e visibilità al sito ma altro ancora può essere fatto. Lo slalom rappresenta anche un validissimo volàno per il rilancio turistico di un territorio che merita ulteriore promozione”. 

Slalom Miniera Cozzo Disi

Lo Slalom prende il nome dalla vecchia miniera di “Cozzo Disi” (foto Manuel Marino)

Almeno quattro tra gli specialisti siciliani i favoriti per la vittoria assoluta al Miniera ‘Cozzo Disi’. Pilota del momento è forse il giovane mazarese Totò Arresta, tornato nelle due ultime stagioni a competere ad alto livello nelle sfide motoristiche ospiti in Sicilia. Il portacolori della Scuderia Armanno Corse Palermo è colui che ha vinto più gare quest’anno, ben tre sinora e a Casteltermini proverà a calare il “poker” al volante della veloce monoposto Gloria B5 Evo Suzuki preparata dal Team del campione siciliano Slalom in carica, Girolamo Ingardia.

Annunciato protagonista l’altro veloce mazarese Giuseppe Giametta, già vincitore quest’anno nello Slalom del Satiro a Mazara del Vallo, gara di casa. Il neo portacolori della Scuderia Venanzio avrà a disposizione la consueta agile Gloria B4 Yamaha Fazer iscritta nella classe E2SS 1150. Non mancherà neppure il “veterano” di tante battaglie, il trapanese Nicolò Incammisa, che ambisce fortemente ad iscrivere per la prima volta il suo nome nell’albo d’oro della gara sicana con la usuale (anche se non aggiornatissima) Radical SR4 Suzuki E2SC 1600 iscritta dalla Trapani Corse, di cui lo stesso Incammisa è presidente.

“Outsider” di lusso sarà l’agrigentino Salvatore Catanzaro, nome relativamente nuovo nel panorama isolano negli slalom, ma già capace di mettersi in mostra, quest’anno, con la Gloria B5 Evo Suzuki schierata dalla Armanno Corse, con la quale è salito un paio di volte sul podio, in questo primo scorcio di stagione. Da tenere d’occhio anche le altre monoposto con alla guida gli altri trapanesi Vito Molinari, su Formula Arcobaleno Suzuki del Team del Mago e Vito Grammatico, su Gloria B5 Suzuki della Trapani Corse, nonché il palermitano Vito Di Falco (Gloria B4 Yamaha, Misilmeri Racing).

Sergio Bertolami

Sergio Bertolami in azione allo Slalom Quota Mille

Da ammirare con curiosità anche il prototipo BRC Suzuki Hayabusa, portato a Casteltermini dal messinese Sergio Bertolami, in E2SC 1400. Il tracciato, della lunghezza di 2,990 km, è ricavato lungo la strada provinciale numero 22, che collega la località “Cozzo Disi” alla cittadina agrigentina, non lontano dall’omonima antica solfara (tra le più grandi d’Europa e ultima tra le miniere siciliane ad essere dismessa, nel 1988). La premiazione si terrà nella suggestiva cornice di Piazza Duomo a Casteltermini, ad apertura del parco chiuso.

Autori

+ posts