Trevisan: “Onorato dall’interessamento del Messina ma la B resta la mia priorità”

Un primo piano di Trevor
Trevisan con la divisa del Padova

Trevisan con la divisa del Padova

Il Messina sogna il grande colpo in difesa, necessario anche per fronteggiare l’annunciato addio di D’Aiello. La retroguardia ripartirà dalle conferme di Pepe e Silvestri, mentre potrebbe cambiare aria De Bode, pur vincolato da un altro anno di contatto, ma seguito nelle ultime ore da Matera e Foggia. Già certe le rinunce a Caldore e Caiazzo, probabili quelle a Cucinotta, Quintoni ed Ignoffo.

Le chiavi di un reparto così rinnovato potrebbero quindi essere affidate al centrale Trevor Trevisan, classe 1983, reduce da ben otto stagioni consecutive in serie B. Il difensore originario di Cassino, centro della provincia di Frosinone, contattato telefonicamente, non ha nascosto le avances del Messina: “Mi ha contattato il direttore sportivo Fabrizio Ferrigno, con il quale eravamo compagni di squadra a Pisa. Era il mio capitano e di lui sinceramente conservo un ottimo ricordo”.

Tra i cadetti in carriera ben 208 presenze, condite peraltro da 10 reti, con le divise di Vicenza, Pisa, Padova e Varese. Ovviamente è positivo il ricordo dell’esperienza in rossonero: “Arrivai a Pisa a gennaio 2007 ed insieme a Ferrigno fummo protagonisti di una grande cavalcata che ci ha portato poi nei play-off ed infine in serie B. Fabrizio aveva una grande personalità. Da direttore sinceramente non l’ho seguito nel dettaglio ma sono sicuro che potrà continuare a fare benissimo”.

Il difensore classe 1983 in azione con la divisa biancorossa

Il difensore classe 1983 in azione con la divisa biancorossa

Trevisan è ancora legato al Padova, società nella quale ha militato peraltro ininterrottamente dal 2009 ad oggi, con l’unica parentesi rappresentata dagli ultimi sei mesi a Varese: “Ferrigno mi ha chiesto quale fosse la mia situazione contrattuale e se avevo già altri impegni in caso di rescissione. A Varese sono andato in prestito ed ora sono tornato a Padova. Ho infatti ancora un altro anno di contratto. Ho apprezzato molto l’interessamento del Messina ma ho chiarito che prima devo definire la mia posizione qui”.

A Padova Trevisan è compagno del messinese Giovanni La Camera, legato da un lungo rapporto di amicizia con il centrocampista giallorosso Stefano Maiorano. Dopo una lunga militanza la sua esperienza in biancorosso potrebbe però concludersi presto: “C’è un po’ di confusione a livello societario purtroppo. C’è un’offerta e quindi la possibilità di tornare a Varese ma prima, ripeto, devo risolvere la mia posizione con il Padova. Logicamente se avessi l’opportunità di giocare ancora in B la valuterò con grande attenzione perché la mia priorità è restare tra i cadetti. Se dovessi invece scendere in C unica Messina avrebbe la priorità perché so che è una piazza ambiziosa, con un passato recente in A e B”.

Un altro primo piano di Trevor

Un altro primo piano di Trevor

Trevisan pregusta infatti un campionato particolarmente competitivo, nel quale incrocerà da avversario l’ex giallorosso Costa Ferreira, accasatosi alla Virtus Entella: “Sarà un bel torneo, impreziosito dalla presenza di Livorno, Bologna e Catania, con queste ultime due piazze che da tanti anni non salutavano la massima serie. Sarà come sempre un campionato davvero tosto, ancora di più del recente passato. Un torneo peraltro molto lungo e faticoso. Arrivi alla fine della stagione stremato e quest’anno le formazioni coinvolte nei play-off ci sono arrivate ancora più stanche. Se non altro lo spettacolo è migliorato”.

Ultima curiosità legata al nome di battesimo, l’inedito e poco diffuso Trevor, di chiara origine anglosassone: “Il nome effettivamente è decisamente nordico. Ma io sono nato nel Lazio e ho quasi sempre vissuto a Pordenone, in Friuli”.

Commenta su Facebook

commenti