Stuppia: «Il CUS Palermo squadra ostica, possiamo fare molto di più»

Cestistica TorrenoveseIvan Stuppia (Torrenovese)

Dopo la vittoria casalinga contro l’Olympia Basket Canicattì, torna in campo la Confezioni Corpina Torrenova che sabato alle 17.30 sarà protagonista della sfida in esterna contro il CUS Palermo. Una gara complicata, contro una squadra che nello scorso weekend ha vinto sul campo del GM Basket Academy, che vorrà ripetersi davanti ai propri tifosi. Di fronte una Cestistica Torrenovese che vuole continuare la marcia e che arriva al giro di boa del campionato da terza in classifica.

A presentare la sfida il play/guardia delle Aquile, Ivan Stuppia, che ha in parte analizzato anche il cammino della squadra sino a questo momento: «Certamente non stiamo giocando la migliore pallacanestro che potremmo sviluppare. Il CUS è una squadra ostica, da non prendere sotto gamba, piena di ragazzi che amano correre quando possono. Dovremo essere bravi a limitarli in difesa, quando difendiamo bene poi troviamo sempre buoni tiri in attacco. Credo che a questo punto della stagione la valutazione di quello che stiamo facendo non è certo positiva. Ci troviamo in una situazione di classifica al di sotto delle nostre aspettative, siamo coscienti che possiamo fare molto di più. Nelle sconfitte credo che ci sia mancata la voglia di sacrificio in difesa ma soprattutto l’essere stati poco uniti nei momenti di difficoltà. Abbiamo cercato di risolvere le partite in maniera singola e dobbiamo assolutamente migliorare sotto questo aspetto per non ripetere più questi errori».

In squadra è stato inserito Deividas Dragunas, cestista lituano che è stato tesserato in settimana dalla Confezioni Corpina Torrenova: «Dragunas è un ottimo atleta e credo possa darci una grande mano sia in difesa che in campo aperto. La società ha fatto un altro sforzo per permetterci di raggiungere insieme un grande obiettivo e non ho dubbi sul fatto che la squadra avrà un’arma in più su cui contare».

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti