Splash Castellammare e Sporting S. Agata si contendono la promozione in serie D

Splash Castellammare del Golfo

L’appuntamento odierno con palla a due alle ore 18 al “PalaGalante”, è di quelli davvero importanti e l’obiettivo, anche dal punto di vista storico, lo è ancor di più. Castellammare, infatti, comincia a giocarsi, con gara 1 di finale, il ritorno nel basket maschile che conta. La cittadina del Golfo, nonostante la sua lunga e gloriosa tradizione, vi manca da ben 12 anni, da quando partecipò alla C/2, nella stagione 2004/2005. Per andare, invece, a una partecipazione alla serie D, bisogna risalire ai primi anni ’90, sempre con il GS Castellammare che poi venne promosso alla categoria superiore.

E proprio la serie D è adesso a pochi passi. Scomparso il GS, sarà invece lo Splash del presidente Cacciatore che proverà a riacciuffare lo storico obiettivo. Bisognerà, però, fare i conti con lo Sporting Sant’Agata. Il quintetto messinese, allenato dall’esperto Massimiliano Fiasconaro, si è qualificato per la finale perdendo entrambe le gare con il Castanea. La differenza canestri, però, gli ha consentito ugualmente di continuare il cammino.

Finalissima tra Splash Castellammare e Sporting S. Agata

Percorso netto, invece, nei play-off per lo Splash Castellammare che si è imposto 2 a 0 sia nella serie con il Basket School Gela che in quella con l’Ares Ribera. Oggi comincia la grande sfida, quella che assegnerà un posto nel prossimo campionato di serie D. Leggermente favorito proprio lo Splash, società giovane fondata nel 2012, che potrà contare sul fattorecampo anche nell’eventuale gara 3.

Castellammare e Sant’Agata Militello vivranno anche di una storia particolare. E’ quella dei due allenatori Giampiero Ferreri e Massimiliano Fiasconaro che si sono formati partecipando agli stessi corsi organizzati dalle Polisportive Giovanili Salesiane. Appuntamento, quindi, alle ore 18, alla palestra dell’istituto scolastico “Pitrè”, recentemente intitolata ad Angelo Galante. Arbitreranno Lo Presti di Realmonte e Abate di Porto Empedocle.

Commenta su Facebook

commenti