A Sperone si recupera il derby tra Amatori Messina e Catania. In palio punti pesanti

C’è grande attesa per il derby siciliano Amatori Rugby Messina contro Amatori Catania Rugby, in programma domenica 23 novembre alle 14,30 al Campo di Sperone, per il Campionato di Serie B Girone D Poule 2. Si tratta del recupero della partita dello scorso 2 novembre, sospesa a metà del primo tempo per l’infortunio dell’arbitro De Martino di Napoli, approfittando della seconda giornata di fermo del Campionato per i test match della Nazionale maggiore.
Un incontro che potrebbe essere utile per i biancorossi di capitan Santilano, attualmante al terzo posto in classifica con 14 punti (il Catania è al secondo posto con 17 punti), soprattutto per distanziare la quarta posizione della Svicat di Lecce con 10 punti e poter consolidare il piazzamento che permetterebbe di passare in Poule promozione nella seconda fase del Campionato.
Il clima in casa Amatori Messina è positivo: dal presidente Nello Arena l’auspicio che “Sia un derby nel segno della rinascita del rugby siciliano, comunque vada nel risultato finale”. Un augurio che segue le polemiche delle settimane scorse, circa alcuni episodi che hanno fatto parlare in senso negativo di uno sport che merita ben altra considerazione.

I giocatori dell'Amatori Messina

I giocatori dell’Amatori Messina

Sul piano tecnico interviene l’allenatore Daniel Antonio Insaurralde: “La squadra – dichiara – è cresciuta molto nelle ultime tre settimane, soprattutto nella preparazione della mischia. Rispetto al derby col Catania al quale ci eravamo preparati un mese fa, la nostra rosa si presenta più matura e, quindi, in grado di ottenere un livello di concentrazione ben più alto. Siamo consapevoli che quello di domani è un match importante ma che, al tempo stesso, fa parte del percorso del campionato e in cui possiamo far bene, divertendoci e cercando di ottenere il risultato a noi favorevole”.
In scena la sfida Amatori Rugby Messina – Amatori Catania Rugby, fischio d’inizio alle ore 14,30. Arbitra il signor Schipani.

Commenta su Facebook

commenti