Si è spento Massimo Bandiera. È stato segretario dell’Acr Messina nel 2018

Massimo BandieraMassimo Bandiera nello scatto de ilreggino.it

Si è spento nelle ultime ore Massimo Bandiera, storico dirigente della Reggina, dopo aver combattuto contro una malattia che alla fine purtroppo ha avuto la meglio. La notizia che arriva da oltre Stretto lascia sgomenti anche a Messina, dove il 48enne era stato segretario dell’Acr, dal luglio 2018 al febbraio 2019, durante la presidenza di Pietro Sciotto, al fianco dell’allora dg Lello Manfredi.

Bandiera

Il segretario Massimo Bandiera e il dg Lello Manfredi in tribuna (foto Nino La Macchia)

In carriera Bandiera, che era anche giornalista, ha svolto le funzioni di capo ufficio stampa della Reggina ed è stato segretario generale del Siracusa e del Cosenza. Nonostante tutto, aveva sempre continuato a sorridere e a svolgere con professionalità il suo compito. Ai familiari la commossa vicinanza dell’intera Redazione di MessinaSportiva. Anche l’Acr Messina ha espresso il proprio cordoglio in una nota stampa: “Alla famiglia di Massimo Bandiera giunga il nostro abbraccio e la nostra vicinanza in questo difficile momento”.

Un messaggio significativo anche da Firenze: “La Lega Professionisti di Serie C esprime il più profondo cordoglio per la scomparsa di Massimo Bandiera, segretario della Reggina Calcio 1914. Massimo è stato anche addetto stampa della società amaranto e segretario nel Messina, nel Siracusa e nel Cosenza. Professionista serio e preparato, sempre disponibile ad aiutare il prossimo. Grazie alla sua umanità, si è fatto sempre apprezzare in tutti i ruoli svolti in ambito calcistico. Alla famiglia di Massimo Bandiera, in questo difficile momento, giungano le più sincere e sentite condoglianze del Presidente Francesco Ghirelli, dei vice Presidenti Luigi Ludovici e Marcel Vulpis, del segretario Emanuele Paolucci e la vicinanza di tutta la Lega Pro”. 

The following two tabs change content below.

Francesco Straface

Ideatore di MessinaSportiva nel 2005, per tredici anni - dal 2002 al 2014 - ha lavorato nelle emittenti private TeleVip e Tremedia. Vanta alcune esperienze nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria"). Dal 2016 è tutor presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma