Seretti vince il titolo italiano di seconda categoria. Bene i giovani dell’Astra Valdina

Damiano Seretti (foto Vincenzo Nicita Mauro)

Settimana da incorniciare per il tennistavolo peloritano, protagonista in campo nazionale e regionale. Dopo le esaltanti prestazioni degli atleti del T.T. Top Spin, primo club nel medagliere dei Campionati Italiani di prima e seconda categoria, disputati al Palatennistavolo di Terni dal 28 febbraio al 4 marzo, arrivano anche i titoli regionali giovanili.

Manuel Brigandì e Matilde Venuto (Astra Valdina)

Finale tutta messinese tra Maurizio Massarelli e Damiano Seretti con la conquista del titolo di Campione Italiano di seconda categoria per Seretti, che bissa il titolo nel doppio misto in coppia con Claudia Carassia (Polisp. Bagnolese) e si “accontenta” dell’argento nel doppio maschile giocato con Daniele Pinto (Fiamme Azzurre). E’ Antonino Amato con lo stesso Pinto a conquistare l’argento nel doppio maschile di prima categoria, che vede il bronzo ancora di Seretti in coppia con Luca Bressan (T.T. Castelgoffredo).

Segnali incoraggianti dai Campionati Regionali Giovanili, con la parte del leone dell’Astra Valdina. Nel singolare Giovanissimi conquista il titolo di campione regionale Manuel Brigandì (Astra), seguito dall’ottimo Giorgio Sutera (Pongistica Messina), terzo classificato. Nei pari categoria femminile, secondo posto per Matilde Venuto (Astra Valdina). E’ ancora alloro regionale per Sofia Sfameni (Astra Valdina) e Andrea Pillera (Pongistica Messina) nella gara juniores. Pillera chiude davanti a Mariano Trifirò e Gianluca Zaccone (T.T. Top Spin). Tra gli under 10 maschile, vittoria e titolo di campione regionale per Simone Melluso (Atra Valdina) che ferma in semifinale il compagno di squadra Giuseppe Salvo, mentre, nel femminile, è argento per Desirè Scibilia. Tra gli allievi, chiudono al secondo e al terzo posto i pongisti del T.T. Top Spin Giovanni Vaccarino e Andrea Giannino. Nel prossimo fine settimana, riprende l’attività a squadre.

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti