Sblocca Cruz, risponde Pozzebon: pari scoppiettante tra Messina e Andria

PozzebonPozzebon anticipato da Poluzzi (foto Giovanni Isolino)

Al “Franco Scoglio” gara vibrante con tantissime occasioni. Pugliesi per primi in vantaggio con Cruz al 22′. La reazione dei giallorossi trova un super Poluzzi a salvare su Pozzebon (due volte) e Musacci. Al 19′ della ripresa l’1-1 dal dischetto dell’attaccante, al settimo centro in campionato. Rosso a Onescu a 3′ dallo scadere. 

Il pre-partita. Secondo impegno casalingo consecutivo in campionato per il Messina, in serie positiva sotto la gestione Lucarelli. I giallorossi ricevono la visita della Fidelis Andria, avanti in classifica di due lunghezze. Out per infortunio Maccarrone, in infermeria anche i lungodegenti Ionut e Ciccone. In difesa la novità è Bruno, centrale al fianco di Rea. Sulle corsie esterne i confermati Grifoni e De Vito. Mancini non è al meglio e si accomoda ancora in panchina. Spazio ad Akrapovic nel terzetto di centrocampo insieme a Foresta e Musacci. In avanti il prescelto è Madonia, nel tridente con Milinkovic e Pozzebon. L’Andria deve rinunciare allo squalificato Cianci e agli infortunati Colella e Allegrini. Favarin opta per il solito 3-5-2. Pessime le condizioni del terreno di gioco, sempre più compromesso dopo la sfida di ieri di Eccellenza tra Pistunina e Sporting Viagrande.

Il Messina sceso in campo (foto Isolino)

Il Messina sceso in campo (foto Isolino)

La cronaca. Al 2’ Rea sbaglia l’appoggio e il Messina rischia grosso: Mancino serve Volpicelli, diagonale dalla sinistra sul quale Berardi si distende per la respinta. Reazione immediata dei giallorossi con il colpo di testa di Akrapovic, bloccato da Poluzzi: l’arbitro aveva comunque ravvisato una precedente irregolarità. Al 6’ Milinkovic premia l’inserimento di Grifoni, tiro-cross insidioso che trova Poluzzi pronto a smanacciare. Il portiere pugliese è sempre attento pochi minuti dopo quando in uscita anticipa Pozzebon sul traversone da sinistra di De Vito. Si fa vedere però anche l’Andria con Cruz che al 12’ calcia dal limite e colpisce il palo esterno della porta difesa da Berardi. La squadra di Favarin divora poi una ghiotta chance con Onescu che da due passi cicca clamorosamente la sfera sull’invitante suggerimento di Tito. Fase favorevole agli ospiti. Mancini, dalla distanza, impegna Berardi. Al 16’ Volpicelli scheggia la parte alta della traversa con una potente conclusione. L’Andria gioca meglio e trova il vantaggio al 22’ con Cruz che, dopo aver raccolto la sfera sul tentativo di Onescu, in diagonale batte Berardi. Vane le proteste dei giallorossi per un possibile fuorigioco. E’ 1-0 per la formazione pugliese. Incassato il colpo il Messina ci mette qualche minuto a reagire. Doppia incredibile occasione al 32’ grazie allo spunto di Milinkovic: prima Madonia e poi Pozzebon non riescono ad insaccare in rete, con un super Poluzzi a salvare miracolosamente di piede sull’ex Avellino. Qualche istante dopo De Vito al cross da sinistra, sfera che termina sulla parte superiore della traversa. Le palle gol fioccano. L’Andria si rende pericolosa con il traversone di Volpicelli. Al 37’ sono però ancora i giallorossi ad andare ad un soffio dal pareggio: Grifoni serve in mezzo Pozzebon che controlla e spara a botta sicura, Poluzzi è prodigioso e poi fortunato quando sulla respinta la palla incoccia su un difensore e si impenna oltre la traversa. Sugli sviluppi del corner seguente De Vito esplode la botta dal limite, palla a lato di pochissimo. La partita si incattivisce: in rapida successione gialli per Cruz, Pozzebon e Mancino. Si va al riposo con l’Andria in vantaggio di un gol.

Striscioni in curva

Striscioni in curva per la Giornata contro il Diabete (foto Isolino)

In apertura di secondo tempo Cruz si gira in area, ma la sua conclusione è debole e Berardi non ha difficoltà. Al 3’ Volpicelli si sistema il pallone per il tiro dal limite, Berardi blocca in presa. Lo stesso Volpicelli pericoloso in ripartenza al 6’, altra occasione nella quale il portiere giallorosso è costretto ad intervenire. Lucarelli inserisce Palumbo per Akrapovic e ridisegna l’assetto tattico. Il neo entrato ci prova di testa sull’ennesimo corner battuto dal Messina, ma Poluzzi para senza problemi. Al 12’ bella serpentina di Musacci che però non conclude verso la porta e viene murato in angolo dalla difesa ospite. Al 15’ Poluzzi salva nuovamente l’Andria con una parata pazzesca sul bolide di Musacci. La pressione del Messina prosegue e al 18’ Annoni aggancia in area De Vito: è calcio di rigore per i giallorossi. Dal dischetto Pozzebon spiazza Poluzzi e sigla l’1-1. Per l’attaccante settimo gol in campionato. L’Andria vuole replicare subito con Volpicelli, che trova la respinta di Berardi, poi la ribattuta in rete avviene in offside. Al 24’ Madonia vicinissimo a realizzare il vantaggio con un destro rabbioso dalla distanza che si infrange sul legno alla sinistra di Poluzzi, proteso in tuffo. Contropiede sciupato dai peloritani un minuto dopo con il cross di Milinkovic troppo lungo. Dentro anche Ferri per De Vito, Lucarelli prova a vincerla con quattro giocatori offensivi in campo. Brividi, però, al 34′ con il diagonale di Volpicelli che si spegne di un soffio a lato. Marseglia per Madonia è l’ultima sostituzione. Al 36′ a giro Pozzebon, sfera sopra la traversa. Si accendono gli animi e Onescu si fa espellere per un brutto intervento ai danni di Musacci. Andria in 10 nei minuti finali, ma il punteggio non cambia più. Sesto risultato utile per Cristiano Lucarelli tra campionato e Coppa, ma per effetto del terzo pareggio consecutivo il Messina non riesce ad allungare il passo.

Pozzebon ostacolato da Aya (foto Isolino)

Pozzebon ostacolato da Aya (foto Isolino)

Il tabellino. Messina-Fidelis Andria 1-1
Messina (4-3-3): Berardi; Grifoni, Rea, Bruno, De Vito (26’ st Ferri); Foresta, Musacci, Akrapovic (6’ st Palumbo); Milinkovic, Pozzebon, Madonia (35′ st Marseglia). A disp. Russo, Mileto, Ricozzi, Capua, Mancini, Bramati, Rafati, Saitta, Fusca. All. Cristiano Lucarelli
Fidelis Andria (3-5-2): Poluzzi; Tartaglia, Aya, Rada; Annoni, Onescu, Piccinni, Mancino (28’ st Curcio), Tito; Cruz, Volpicelli. A disp. Pop, Cilli, Valoti, Fall, Masiero, Minicucci, Berardino, Klaric. All. Giancarlo Favarin
Arbitro: Diego Provesi di Treviglio. Assistenti: Robert Avalos di Legnano e Giovanni Manara di Mantova
Marcatori: 22’ pt Cruz (FA), 19’ st Pozzebon su rigore (M)
Espulsi: 42′ st Onescu. Ammoniti: 42’ pt Cruz (FA), 43’ pt Pozzebon (M), 44’ pt Mancino (FA), 18’ st Annoni (FA), 38′ st Aya (FA), 39′ st Tartaglia (FA), 40′ st Rea (M). Note: angoli 11-1 per il Messina. Recupero pt 1′, st 4′

Commenta su Facebook

commenti